Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Erice, preso uno degli autori della rapina ai Salone
Assalto in gruppo con i coniugi al'interno della villa

La polizia ha arrestato il 42enne Francesco Paolo Cammareri, meglio conosciuto come Ciccio u Pummaroro. L'uomo è un volto noto alle forze dell'ordine, che in passato ha millantato vicinanze a Cosa nostra

Pamela Giacomarro

Gli uomini della squadra mobile di Trapani hanno arrestato uno dei responsabili della rapina messa a segno nella villa dei coniugi Salone, in viale Europa, alle pendici di Erice. In manette Francesco Paolo Cammareri, di 42 anni, meglio conosciuto come Ciccio u Pummaroro, volto noto alle forze dell'ordine per le passate turbolenze. 

Francesco Paolo Cammareri

L'uomo nel 2011 era stato arrestato e poco dopo rimesso in libertà con l'accusa di estorsione. Era lui a capo di una banda specializzata in estorsioni e traffico di droga, eroina in particolare. Cammareri era solito farsi chiamare il padrino, millantando vicinanze con uomini di Cosa Nostra, nel tentativo di terrorizzare i commercianti da taglieggiare. Nel 2015, dopo la condanna a 12 anni per quei reati, l'uomo era stato arrestato dagli uomini della squadra mobile su disposizione della Procura di Palermo. Adesso per il 42enne si sono spalancate di nuovo le porte del carcere. 

La vicenda risale allo scorso 22 gennaio. Cammareri, con l'aiuto di altri tre complici, si introdusse all'interno della villa di proprietà dei coniugi Salone, entrambi medici e genitori dell'ex consigliere comunale Francesco. I rapinatori bloccarono la donna, Paola Maltese, ginecologa presso l’ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani, legandola con fascette e narcotizzandola. Poi minacciarono il marito, Renato Salone, primario chirurgo in pensione, con una pistola, per costringerlo ad aprire la cassaforte. Ber ben quattro ore i due restarono in balìa dei banditi che con l'aiuto di una smerigliatrice riuscirono ad abbattere la parete del caveau sotterraneo portando via la cassaforte con all'interno una pistola, denaro in contanti e oggetti preziosi. 

Le indagini proseguono, anzi, sembrano aver subito un'accellerata. Non è escluso che nei prossimi giorni anche gli altri componenti della banda possano essere individuati ed arrestati o denunciati.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews