Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, sedici minorenni scenderanno dalla Gregoretti
La nave della Guardia costiera italiana resta ad Augusta

Secondo quanto si apprende dal Viminale, le persone che verranno fatte scendere hanno dichiarato di avere tra i 15 e i 17 anni. A bordo, bloccati da giorni per il divieto importo dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, al momento, ci sono 131 persone

Marta Silvestre

È arrivato il via libera allo sbarco di sedici persone che si sono dichiarate minorenni (tra i 15 e i 17 anni) a bordo della nave Gregoretti della guardia costiera, ormeggiata da ieri al molo Nato di Augusta, in provincia di Siracusa. 

È quanto si apprende da fonti del Viminale. A bordo, bloccati da giorni per il divieto allo sbarco imposto dal ministero dell'Interno guidato da Matteo Salvini, al momento, ci sono 131 migranti. 

Arrivata davanti al porto di Catania la notte tra il 26 e il 27 luglio dopo avere soccorso 135 migranti in mare, l'imbarcazione è stata bloccata dal ministro Salvini «in attesa che ci sia sulla carta una redistribuzione in tutta Europa» delle persone a bordo, tra cui anche le 50 salvate dal peschereccio Accursio Giarratano di Sciacca mentre erano su un gommone alla deriva. 

Per questo, il governo ha anche ufficialmente interpellato la Commissione europea per coordinare le operazioni di ricollocazione. Nel porto etneo era stata fatta sbarcare una donna all'ottavo mese di gravidanza insieme ai membri della sua famiglia, il marito e due figli piccoli.

Intanto, la notte tra sabato e domenica, la nave ha raggiunto il punto d'approdo del Siracusano senza l'ok allo sbarco. «Ha ormeggiato al porto di Augusta, come è normale che sia per una nave militare. Ora la Ue risponda, perché la questione migratoria riguarda tutto il continente», ha detto ieri il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, da cui dipende la guardia costiera. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews