Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Noto: mancano i medici, l'Asp chiude il pronto soccorso
Sette su 11 in malattia. «Possibile se si è sotto organico»

La notizia è trapelata ieri e segue la ricezione da parte dei vertici dell'ospedale dei certificati di inidoneità al lavoro. Sei sarebbero seguiti a infortuni. L'azienda sanitaria ha trasmesso i documenti in procura. Razza: «Reclutare medici in penzione»

Simone Olivelli

Sette su undici. Sei per infortunio, uno per malattia. Sono le carenze nell'organico dei medici degli ospedali di Avola e Noto che, nel giro di pochi giorni, hanno determinato la chiusura del secondo pronto soccorso. La notizia ha portato i vertici dell'Asp a inviare i documenti alla procura di Siracusa per eventuali accertamenti investigativi. D'altra parte, la concomitanza dei certificati di inidoneità giunti in poche ore ha destato qualche sospetto, specialmente perché ciò si è verificato in un momento in cui l'azienda sanitaria aveva pubblicato un avviso interno per lo svolgimento di straordinari.

A parlare è il direttore sanitario degli ospedali Rosario Di Lorenzo. «Certamente la coincidenza può saltare agli occhi - dichiara a MeridioNews - ma per quel che mi riguarda posso dire che si tratta di professionisti seri. Va detto che quando si lavora sotto organico è anche fisiologico andare incontro a infortuni o malattie». Il riferimento di Di Lorenzo va alla pianta organica che solo per Avola prevederebbe dieci medici. «Per assicurare il mantenimento dei due pronto soccorso senza sovraccarico per il personale ne servirebbero almeno 16», aggiunge. 

La momentanea chiusura della struttura di Noto, di fatto, rende concreta l'applicazione delle prescrizioni contenute nella nuova rete ospedaliera voluta dalla Regione. Nel documento, infatti, non è previsto il mantenimento di pronto soccorso nella città barocca. Lo scenario, tuttavia, finora è rimasto intatto per l'opposizione della cittadinanza, al punto che di recente è stata organizzata anche un'occupazione della struttura sanitaria. «I certificati prevedono prognosi che si aggirano in media intorno ai dieci giorni - continua Di Lorenzo -. Bisogna capire se i casi rientreranno per capire quando il personale tornerà in servizio». Al contempo, la Regione ha annunciato di avere avviato in sinergia con l'Asp il reclutamento di professionisti in pensione. «Ho chiesto ogni approfondimento sull'improvvisa assenza di alcuni medici. Ho la sensazione, ma spero di sbagliare, che siano stati compiuti reati», ha dichiarato ieri l'assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.