Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Amianto, al centro di Augusta superate le 1200 visite
L'appello: «Per lo screening serve azzerare il ticket»

Lo staff della struttura del Muscatello dedicata alla fibra killer è composta da tre infermieri, due pneumologi e una oncologa. Adesso, con la nuova rete ospedaliera, sono in arrivo altri tre medici. «Siamo soddisfatti ma contestiamo le modalità di accesso»

Marta Silvestre

«È il minimo che si possa restituire a uno dei territori più martoriati dalla fibra killer». Lo sa bene Calogero Vicario, coordinatore regionale dell’Osservatorio nazionale amianto (Ona) che da ex saldatore del polo petrolchimico di Priolo Gargallo è affetto da una malattia asbesto correlata. La restituzione sta nell'attivazione del centro regionale di diagnosi e cura delle patologie derivanti dall'amianto all'ospedale Muscatello di Augusta. Aperta da oltre un anno, la struttura è diventata operativa alla fine del 2018 con uno staff medico composto da tre infermieri, due pneumologici e una oncologa. Adesso, in previsione della nuova rete ospedaliera, il direttore generale dell'Asp di Siracusa Salvatore Ficarra, ha assegnato tre ulteriori oncologi. «Stando ai dati in nostro possesso - spiega a MeridioNews Vicario - finora sono 1.200 le visite già effettuate per la sorveglianza sanitaria da amianto». 

Era il 2014 quando l'Assemblea regionale approvava una rivoluzionaria legge sull'amianto, che prevedeva anche la trasformazione dell'ospedale megarese in centro di riferimento regionale per la cura e la diagnosi, anche precoce, delle patologie derivanti dall'amianto. Per molto tempo, però, tutto è rimasto sulla carta. «Finalmente è stato premiato il nostro impegno - afferma l'avvocato Ezio Bonanni, presidente nazionale dell'Ona - che inizia a dare i primi importanti risultati nella direzione della prevenzione e dell’assistenza della popolazione esposta. È un passo importante - aggiunge - che ci incoraggia a proseguire con determinazione la nostra battaglia anche per il riconoscimento ai fini pensionistici». 

All'interno del centro è stata installata una nuova tac ad alta risoluzione a 64 strati «e ci hanno assicurato che presto sarà dotato anche di altri strumenti necessari per il monitoraggio di lavoratori e cittadini esposti ed ex esposti all'amianto e per controlli più specifici», dice Vicario che per anni è dovuto andare a Siena (in Toscana) per i controlli periodici per la sorveglianza sanitaria

Intanto, negli anni, il killer silenzioso ha fatto pagare alla Sicilia un tributo molto alto in termini di vite umane. «Siamo soddisfatti di quanto ottenuto finora - spiega il coordinatore regionale dell'Ona - ma contestiamo le modalità di accesso al centro del Muscatello: in pratica ci si arriva tramite la medicina del lavoro a titolo gratuito che, però, non sembra essere nelle condizioni di garantire controlli in tempi rapidi oppure con l'impegnativa del medico curante che, senza esenzione, prevede il pagamento di un ticket». Insomma, specie per quanto riguarda le visite preventive «dover pagare potrebbe scoraggiare», lamenta Vicario che conclude con la speranza che «il Muscatello, come previsto, prima o poi diventi davvero anche centro di ricerca per le patologie legate all'amianto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews