Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Blitz Assedio, Pullara lascia commissione Antimafia
«Sono estraneo ai fatti, non conosco quei soggetti»

Il presidente del gruppo parlamentare Popolari e Autonomisti all'Ars si è sospeso dal suo ruolo in commissione Antimafia. Il nome del parlamentare spunta in una conversazione intercettata in cui il boss Angelo Occhipinti lo definisce «a disposizione» del clan

Redazione

L'onorevole Carmelo Pullara, presidente del gruppo parlamentare Popolari e Autonomisti all'Assemblea Regionale Siciliana si è sospeso dalla Commissione regionale Antimafia. La decisione arriva dopo il blitz Assedio dei carabinieri avvenuto questa notte a Licata e Campobello di Licata che ha portato al fermo di sette persone, tra cui il congliere comunale in carica di Licata Giuseppe Scozzari e il boss Angelo Occhipinti.

«Apprendo dalla stampa quanto accaduto - dice il deputato regionale - Nel ribadire la piena e totale fiducia nella magistratura, sono completamente estraneo ai fatti e lontano per cultura e agire quotidiano (privato e pubblico) ad ambienti e contatti mafiosi». Nel provvedimento di fermo spunta il nome di Pullara: è il capomafia, durante una conversazione intercettata, a definirlo «a disposizione» del clan

«Per me buono Pullare è... che la gente che vuole mangiare buoni sono. Almeno sai che se ci vai per una cosa...dipende lui come è attaccato. Prende e te lo fa. Se ti dico una cosa io non dovete insistere - avrebbe detto Occhipinti senza sapere di essere intercettato - quando non mi interessano le cose che non mi interessano non le tratto. Pullara le fa, eh. C'è stata una cosa, senza che ci sono andato, gli ho detto che si deve mettere da parte e si è messo da parte. Angiolé che minchia ti devo dire tutte cose uno? Pullara è buono! Perché è mangiataro (ingordo, ndr) vuole mangiare con sette forchette». 

Il parlamentare licatese 48enne, eletto con quasi 10mila volti alle ultime Regionali nella lista Popolari e Autonomisti, ha affermato di non avere ricevuto «alcun avviso di garanzia, né comunicazione alcuna da parte degli organi preposti alle indagini: leggo dalla stampa - aggiunge - che si farebbe il mio nome in una intercettazione dove tale Occhipinti asserirebbe che il sottoscritto è a disposizione di questo o quel soggetto che non conosco né ho mai incontrato. Mi metto a completa disposizione della magistratura - conclude - come ho sempre fatto, qualora fosse necessario dare qualsiasi apporto».

Pullara, già manager della Sanità pubblica, è ritenuto un uomo forte degli ex Mpa in provincia di Agrigento. Fedelissimo dell'ex governatore regionale Raffaele Lombardo, nei mesi scorsi era stato vicino alla candidatura al Parlamento europeo. Di recente, il suo nome era stato tirato in ballo anche in vista del rimpasto della giunta di Nello Musumeci.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.