Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia: blitz Assedio a Licata, fermate sette persone
Arrestato consigliere comunale a braccetto col boss

Filmati di summit e incontri segreti tra gli elementi di vertice e gli affiliati della consorteria mafiosa. Durante le indagini, sono stati documentati gli interessi nel settore delle slot machine tramite una compiacente società di distribuzione. Guarda il video

Redazione

Disarticolate le famiglie mafiose di Licata e Campobello di Licata. Sono sette le persone fermate, durante il blitz Assedio di questa notte, dai carabinieri del comando provinciale di Agrigento su disposizione della direzione distrettuale antimafia di Palermo. Tra gli arrestati c'è anche il consigliere comunale Giuseppe Scozzari, eletto a giugno del 2018 e ancora in carica a Licata, che è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Nel provvedimento di fermo spunta anche il nome del deputato regionale Carmelo Pullara che il capomafia intercettato definisce «a disposizione» del clan. Il parlamentare 48enne è stato eletto alle ultime Regionali ed è iscritto al gruppo Popolari e Autonomisti. Pullara fa anche parte della commissione regionale Antimafia.

Fermato anche un ex consigliere comunale che, stando a quanto ricostruito dalle indagini, come altri politici locali, si sarebbe rivolto al capomafia per avere favori. Si tratta del boss Angelo Occhipinti (anche lui tra i fermati), considerato il reggente della cosca di Licata. Occhipinti in passato è già stato condannato per estorsioni aggravate dal metodo mafioso. «Davanti a questo ragazzo ci togliamo tutti il cappello». Così parlava il boss facendo riferimento al figlio di Totò Riina, Giuseppe Salvatore, già processato e condannato per associazione mafiosa. Le parole, intercettate da una microspia degli investigatori, sono inserite in una conversazione tra il capomafia e un uomo d'onore a cui sarebbe stato chiesto in carcere, proprio dal rampollo del padrino corleonese, di «stuccare (eliminare, ndr un licatese.

Il blitz è stato eseguito da oltre cento militari supportati da un elicottero e da unità cinofile. Durante le indagini, sono stati acquisiti filmati di summit e incontri segreti tra gli elementi di vertice e gli affiliati della consorteria mafiosa. Inoltre è stata accertata un’estorsione per lavori edili realizzati in Germania. Documentati soprattutto gli interessi del sodalizio nel settore delle slot machine, attraverso una compiacente società di distribuzione di apparati elettronici da gioco. Nel corso delle perquisizioni, sono stati trovati armi, denaro e anche un jammer, cioè un'apparecchiatura usata per neutralizzare le microspie e disturbare le intercettazioni telefoniche e ambientali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews