Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gli agganci di Vito Nicastri e Paolo Arata alla Regione
«Sono portato da Miccichè, è stato molto determinato»

Il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, i componenti della commissione per la Valutazione di impatto ambientale, gli assessori Mimmo Turano e Alberto Pierobon. Tutti nell'agenda di appuntamenti del consulente della Lega e del re dell'eolico

Salvo Catalano

«Sono Arata, il socio di Vito». In certi ambienti nascondersi era inutile. Paolo Arata lo sapeva. L'ex deputato di Forza Italia e consulente della Lega di Salvini, arrestato ieri dalla Dia di Trapani, parlava così al telefono con un docente esperto di rinnovabili dei suoi rapporti di affari con Vito Nicastri, «la più brava persona in Italia sull'eolico» per definizione dello stesso Arata. Poco importa se Nicastri sia entrato in diverse indagini giudiziarie degli ultimi 30 anni finendo pure arrestato, sia ritenuto un finanziatore della latitanza di Matteo Messina Denaro, e sia a processo per concorso esterno a Cosa Nostra a Palermo dove su di lui pende una richiesta di condanna a dieci anni di carcere. Poco importa di questo curriculum persino in alcuni corridoi della Regione Siciliana, dove Manlio Nicastri (il figlio di Vito, pure lui arrestato ieri), entra, esce e incontra funzionari senza difficoltà. Gli stessi palazzi dove sia Nicastri padre sia soprattutto Paolo Arata possono contare su agganci, oliati ingranaggi e corsie preferenziali. Sia tra i politici che tra i burocrati. 

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×