Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Inchiesta Rinnovabili, gli Arata finiscono in carcere
I domiciliarii per il funzionario regionale Tinnirello

A chiedere la misura cautelare sono stati i magistrati palermitani. Coinvolto anche il figlio di Vito Nicastri, l'imprenditore considerato vicinissimo a Messina Denaro. Resta al momento aperto il filone romano, che vede indagato l'ex sottosegretario Siri

Redazione

Il tribunale di Palermo ha ritenuto necessaria la misura cautelare per Paolo e Francesco Arata. Padre e figlio, il primo già consulente della Lega per l'energia, sono stati arrestati all'alba dalla Dia. La richiesta è stata fatta dai magistrati di Palermo, che insieme ai colleghi romani si stanno occupando dell'inchiesta sulle rinnovabili e sui nuovi prestanome che avrebbero portato avanti gli affari di Vito Nicastri, il re dell'eolico considerato vicino al boss Matteo Messina Denaro e di recente condannato a 12 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. 

I nomi degli Arata sono finiti al centro dell'attenzione già ad aprile, in occasione di una serie di perquisizioni. Stando agli inquirenti, con una serie di società a loro riconducibili, ma dietro le quali si sarebbe celato Nicastri avrebbero cercato di infiltrarsi nel settore della produzione di biogas e nel fotovoltaico. Destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare sono stati lo stesso Nicastri e il figlio di quest'ultimo, Manlio. L'accusa per tutti gli indagati è a vario titolo di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Arrestato, ma ai domiciliari, l'ex funzionario dell'assessorato all'Energia, poi spostato al Genio civile, Alberto Tinnirello. L'uomo è accusato di avere preso soldi per favorire alcuni progetti degli Arata. Indagato anche un dipendente del Comune di Calatafimi-Segesta

Nel filone romano dell'inchiesta è coinvolto anche l'ex sottosegretario leghista Armando Siri. Sul politico del Carroccio, costretto alle dimissioni dopo il clamore mediatico e le richieste esplicite fatte a Matteo Salvini dagli alleati del Movimento 5 stelle, pesa il sospetto di avere favorito Arata in cambio di elargizioni di denaro. In un'intercettazione in cui a parlare non è Siri si menziona una tangente da 30mila euro. Nello specifico l'ex sottosegretario si sarebbe impegnato a portare un emendamento, poi mai approvato, nel documento di economia e finanza (Def) riguardante il mini-eolico. L'ordinanza di custodia cautelare prevede anche il sequestro di otto società. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×