Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Inchiesta Rinnovabili, gli Arata finiscono in carcere
I domiciliarii per il funzionario regionale Tinnirello

A chiedere la misura cautelare sono stati i magistrati palermitani. Coinvolto anche il figlio di Vito Nicastri, l'imprenditore considerato vicinissimo a Messina Denaro. Resta al momento aperto il filone romano, che vede indagato l'ex sottosegretario Siri

Redazione

Il tribunale di Palermo ha ritenuto necessaria la misura cautelare per Paolo e Francesco Arata. Padre e figlio, il primo già consulente della Lega per l'energia, sono stati arrestati all'alba dalla Dia. La richiesta è stata fatta dai magistrati di Palermo, che insieme ai colleghi romani si stanno occupando dell'inchiesta sulle rinnovabili e sui nuovi prestanome che avrebbero portato avanti gli affari di Vito Nicastri, il re dell'eolico considerato vicino al boss Matteo Messina Denaro e di recente condannato a 12 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. 

I nomi degli Arata sono finiti al centro dell'attenzione già ad aprile, in occasione di una serie di perquisizioni. Stando agli inquirenti, con una serie di società a loro riconducibili, ma dietro le quali si sarebbe celato Nicastri avrebbero cercato di infiltrarsi nel settore della produzione di biogas e nel fotovoltaico. Destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare sono stati lo stesso Nicastri e il figlio di quest'ultimo, Manlio. L'accusa per tutti gli indagati è a vario titolo di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Arrestato, ma ai domiciliari, l'ex funzionario dell'assessorato all'Energia, poi spostato al Genio civile, Alberto Tinnirello. L'uomo è accusato di avere preso soldi per favorire alcuni progetti degli Arata. Indagato anche un dipendente del Comune di Calatafimi-Segesta

Nel filone romano dell'inchiesta è coinvolto anche l'ex sottosegretario leghista Armando Siri. Sul politico del Carroccio, costretto alle dimissioni dopo il clamore mediatico e le richieste esplicite fatte a Matteo Salvini dagli alleati del Movimento 5 stelle, pesa il sospetto di avere favorito Arata in cambio di elargizioni di denaro. In un'intercettazione in cui a parlare non è Siri si menziona una tangente da 30mila euro. Nello specifico l'ex sottosegretario si sarebbe impegnato a portare un emendamento, poi mai approvato, nel documento di economia e finanza (Def) riguardante il mini-eolico. L'ordinanza di custodia cautelare prevede anche il sequestro di otto società. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews