Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pozzallo, un 16enne guidava il gommone soccorso
Trafficanti libici affidano traversata a un ragazzino

La polizia ha ascoltato i 62 migranti arrivati ieri al porto di Pozzallo, salvati dal rimorchiatore Asso 25, chiamato dalla Guardia costiera di Roma. Fermati due giovanissimi che però non avrebbero legami con gli organizzatori del viaggio

Redazione

È arrivato ieri pomeriggio a Pozzallo il rimorchiatore Asso 25, nave commerciale che è stata chiamata dalla Guardia costiera per soccorrere un gommone che stava per affondare in acque Sar maltesi con a bordo 62 persone, provenienti da Senegal, Sudan, Costa D’Avorio, Nigeria e Gambia. 

La squadra mobile che ha seguito le operazioni di sbarco ha fermato due giovanissimi, accusati di essere gli scafisti. Un 16enne e un 21enne, entrambi senegalesi. I due non avrebbero nessun legame con i trafficanti libici che hano organizzato la traversata e che hanno ricevuto 1.500 euro per ogni migrante, in totale 90mila euro. Come spesso accade, i due scafisti sarebbero invece due disperati come gli altri, scelti però dagli organizzatori all'ultimo momento per guidare il gommone: bussola e telefono satellitare a un ragazzino. 

Il rimorchiatore è arrivato intorno alle 15.30. I migranti sono stati portati nell’Hotspot di Pozzallo per essere visitati e identificati dalla polizia scientifica. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, il 6 giugno intorno alle 13 il gommone si trovava in acque Sar maltesi e navigava verso l’Italia quando, per un’avaria al gommone, i due scafisti hanno lanciato l'allarme: uno dei tubolari del natante si era afflosciato ed imbarcavano acqua. Dopo diverse ore, da Roma è partita la richiesta al rimorchiatore Asso 25, il più vicino rispetto al luogo dove si trovava il gommone, di intervenire. 

I migranti hanno raccontato di essere rimasti nella connection house libica, le prigioni gestite dai trafficanti dove aspettano di imbarcarsi, per molti mesi. Sarebbero quindi partiti dalle coste libiche solo dopo aver pagato in media 1.500 euro ciascuno. Durante la traversata durata circa 65 ore, quasi tre giorni, non avrebbero ricevuto niente da mangiare, e nemmeno acqua, solo prima della partenza un pezzo di pane e formaggio.

L'indagato maggiorenne è stato portato nel carcere di Ragusa e il minore in un centro di prima accoglienza di Catania a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni. Dalle operazioni di fotosegnalamento e dall'acquisizione delle impronte digitali è stato accertato che nessuno degli sbarcati fosse mai stato identificato in Italia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×