Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tagli trasporto locale, sindacati in stato di agitazione
Le aziende convocano i rappresentanti dei lavoratori

Si cercano le contromisure dopo la lettera dell'assessorato regionale ai Trasporti che annuncia la possibilità di drastici tagli ai finanziamenti per il settore. Preoccupa un precedente del 2012, quando il Tar diede ragione ai privati che presentarono ricorso

Salvo Catalano

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Sindacati e associazioni che rappresentano le linee di autotrasporto preparano le contromisure dopo la lettera dell'assessorato regionale ai Trasporti che annuncia probabili drastici tagli ai finanziamenti del trasporto pubblico locale. 

Tutte le sigle sindacali - Cgil, Cisl, Orsa e Usb - hanno indetto lo stato di agitazione e hanno chiesto un incontro per comunicare l'attivazione delle procedure di raffreddamento, primo passo verso lo sciopero. Asstra e Anav, le associazioni datoriali che rappresentano le aziende private, hanno convocato i sindacati per una riunione l'11 giugno in cui si farà il punto della situazione. Da una parte i rappresentanti dei lavoratori sono pronti a proclamare lo sciopero, qualora i tagli venissero confermati. Dall'altra le associazioni datoriali dovrebbero preparare un piano di ridimensionamento dell'offerta che vada incontro alle draconiane misure chieste dalla Regione.

L'assessorato ha infatti comunicato sia ai privati, per le tratte extraurbane, che ai Comuni, per il servizio di autobus nelle città, che dal primo luglio scatterà un taglio del 47 per cento delle risorse destinate al settore. La scure sui servizi di autobus urbani ed extraurbani è legata al mancato accordo tra la stessa Regione e il governo nazionale sulla possibilità di dilazionare il disavanzo regionale su più anni (dieci è la richiesta che arriva da Palermo, mentre a Roma sono fermi a tre). Una contrattazione che va avanti da mesi ma che, al momento, non vede ancora una soluzione. Lo stanziamento complessivo nella Finanziaria 2019 per i servizi di trasporto pubblico locale, inizialmente pari a 164 milioni di euro, verrebbe tagliato di 48 milioni.

A preoccupare i sindacati è anche un precedente del 2012 quando, proprio a metà anno, la Regione tagliò le risorse destinate al settore. E alcune aziende fecero ricorso al Tar, vincendolo. «In quel caso - ricorda Sergio Crisafulli, delegato regionale Usb - non solo i tagli ci furono e vennero pagati in termini di disservizi dai cittadini, ma poi, a distanza di tempo, la Regione dovette pagare lo stesso i privati a causa della sentenza favorevole ai ricorrenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×