Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Bonus cultura, multe a settecento neo-diciottenni
Al posto dei libri hanno usato i soldi per i cellulari

La Cassazione si è pronunciata sul caso degli studenti che avevano usufruito delle risorse statali per acquistare prodotti culturali. Coinvolto anche il titolare di un rivenditore di smartphone

Redazione

Pioggia di multe per i settecento neo-diciottenni di Caltanissetta che hanno usato il bonus cultura da 500 euro introdotto dal governo Renzi per acquistare smartphone anziché libri. Lo conferma la Cassazione nel verdetto 24890 rilevando che anche loro sono colpevoli, come il commerciante compiacente che gli ha venduto merce estranea al bonus, in quanto «hanno legittimamente ricevuto» il voucher ma lo hanno «illecitamente speso». 

Dovranno pagare, o forse hanno già pagato questo la sentenza non lo dice, una sanzione amministrativa che, in base al codice penale, varia da 5.164 euro a 25.882 euro se «la somma indebitamente percepita» non supera i 4mila euro. Peggio è andata a Gaetano G., napoletano, titolare della societa' nissena - la A.D. - che aveva venduto soprattutto telefonini. Rischia il carcere o di pagare una multa per ogni singolo incasso di uno o più bonus. 

Al commerciante, la guardia di finanza, che aveva scoperto il raggiro ha infatti sequestrato beni mobili e immobili, con ordine alle banche di sequestrare qualunque somma dovesse pervenire sui suoi conti fino a raggiungere la somma di 317mila euro, pari ai bonus incamerati. Contro questo provvedimento confermato dal Tribunale del riesame di Caltanissetta lo scorso 27 dicembre, la difesa di Gaetano G. ha protestato in Cassazione sostenendo che occorre accertare se l'indagato riscosse in un unico momento una somma superiore a 4mila euro, e in tal caso «il superamento della soglia quantitativa, oltre la quale l'illecito amministrativo integra il reato, non configura una condizione obiettiva di punibilità, ma un elemento costitutivo del reato», con annesso rischio di condanna alla reclusione da sei mesi a tre anni. 

Altrimenti, se il commerciante ha ottenuto le erogazioni pubbliche in più rate, inferiori ciascuna alla soglia dei 4mila euro, allora dovrà pagare più multe perché l'assommarsi di una serie di illeciti amministrativi non puo' comunque «tradursi nella commissione di un illecito penale». Ora il Tribunale nisseno dovrà verificare bene in che modo Gaetano G. ottenne i soldi pubblici, se in una o più soluzioni e di quale entità. Comunque sia gli costerà caro.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×