Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Europee, Giarrusso sfida Berlusconi in un sondaggio
Ma si ferma al 33 per cento. «Falsato dai troll forzisti»

Il quesito online sembra non aver sortito l'effetto desiderato. Su circa 15mila voti il 67 per cento degli utenti tra i due sceglierebbe il fondatore di Forza Italia. Ma il cinquestelle attacca: «Risposte pilotate hanno ribaltato il risultato a colpi di velocissimi click»

Redazione

Dino Giarrusso ha lanciato questo pomeriggio un sondaggio su Facebook, lanciando una sfida al fondatore di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Secondo l'ex volto del programma Le Iene, infatti, «la più avvincente sfida elettorale per le europee del 26 maggio si svolgerà in Sicilia e Sardegna! Dino Giarrusso, celebre ex-iena televisiva, oggi è candidato con il Movimento 5 Stelle e ha scommesso in diretta radiofonica che in Sicilia e Sardegna prenderà più voti di Silvio Berlusconi, l’ex-premier 83enne candidato capolista con Forza Italia. Chi vincerà la sfida? Tu chi manderesti in Europa? Vota subito e diffondi il sondaggio!».

Ma a distanza di un'ora i voti sono già stati poco meno di 15mila e i risultati non sembrano andare nella direzione sperata da Giarrusso: il 67 per cento degli utenti, infatti, tra i due sceglierebbe Silvio Berlusconi e non il volto noto del piccolo schermo. Tuttavia, a falsare il risultato, secondo lo stesso Giarrusso, sarebbero stati «numerosi gruppi di troll forzisti» che «si sono scatenati, come testimoniato da risposte palesemente pilotate che hanno ribaltato il risultato a colpi di velocissimi click. Un’attività mirata e sistematica - aggiunge - con l’obiettivo di manomettere la sfida 2.0 lanciata dal candidato ex-iena Giarrusso e di fomentare gli animi anti-grillini, risvegliando all’occorrenza eserciti di “bully” digitali». E da qui il contrattacco: «Questa volta il terreno di sfida saranno le urne, non più i social network. Mi chiedo: con che faccia Berlusconi si candida in una terra che è stata distrutta con personaggi del calibro di Miccichè e Cuffaro?».

Qualche settimana la redazione de Le Iene è intervenuta chiedendo a Giarrusso di non utilizzare la «divisa» del format tv per i manifesti elettorali. La risposta del diretto interessato non si è fatta attendere: «Se qualcuno vuole fare altre polemiche sulla mia candidatura o strumentalizzare il programma, quello non sono io. Citando un mio soprannome sulla scheda elettorale, ho solo esercitato un mio diritto previsto dalla legge, tutelando la volontà degli elettori e a un tempo la mia persona».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×