Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mare Jonio fatta attraccare a Lampedusa e sequestrata
Mentre la nave della Marina militare sbarca ad Augusta

La Stromboli sarà accolta nella rada del Siracusano dopo la decisione del premier Conte. L'imbarcazione di Mediterranea, invece, è stata affiancata da due motovedette della Guardia di finanza. Contestate alcune irregolarità. L'associazione: «Atto pretestuoso»

Marta Silvestre

Foto di: Mediterranea saving humans

Foto di: Mediterranea saving humans

La nave Mare Jonio dell'associazione Mediterranea saving humans è stata sequestrata dalla guardia di finanza con l'accusa per l'equipaggio di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. I militari stanno procedendo a un «sequestro d'iniziativa» perché, dopo essere saliti a bordo dell'imbarcazione, che ieri ha salvato 30 persone a 40 miglia dalla Libia, avrebbero rilevato alcune irregolarità. Proprio per procedere al sequestro è stato consentito alla nave di entrare nel porto di Lampedusa.

«È un atto pretestuoso che affrontiamo serenamente - commenta a Meridionews il capomissione Luca Casarini - L'importante è fare sbarcare le persone salvate in mare. A noi non hanno notificato nulla su queste presunte irregolarità. Anche la volta scorsa, la nostra nave è stata sequestrata, ma poi dissequestrata. Non siamo di certo noi a violare la legge», conclude Casarini che è ancora indagato, insieme al comandante Pietro Marrone, sempre con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, per il salvataggio dello scorso marzo, a 46 miglia dalla costa libica, di 49 migranti e il successivo approdo al molo di Lampedusa.

Già ieri l'imbarcazione aveva chiesto un porto sicuro. «Un conto è una nave della Marina militare, che attraverso il suo ministro di riferimento si assumerà le proprie responsabilità, un altro una nave di privati o dei centri sociali, come la Mare Jonio. Per loro, i porti restano chiusi», aveva sentenziato il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Tanto che dal Viminale era stata inoltrata una mail all'associazione in cui «si chiede di "fare riferimento alle autorità libiche" - scriveva Mediterranea ieri sera su Twitter - cioè quelle di un Paese in guerra dove i diritti umani non esistono». Nella mattinata di oggi, l'imbarcazione è entrata in acque italiane e, superato il limite delle 12 miglia a sud di Lampedusa, è stata raggiunta da due motovedette della guardia di finanza per un controllo di polizia in seguito al quale è stato disposto il sequestro.

Intanto, la nave Stromboli della Marina militare con a bordo 36 persone salvate ieri dal pattugliatore Cigala Fulgosi, a 75 chilometri dalla Libia, è arrivata nella rada di Augusta dove i migranti verranno fatti sbarcare. Così ha deciso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella serata di ieri, dopo la disponibilità ad accogliere i migranti offerta da Francia, Malta, Lussemburgo e Germania.

«La banchina di Augusta come metafora di un nuovo inizio, di una salvezza in cui forse non si sperava più - commentano a MeridioNews dal collettivo Antigone - La città ritorna a essere un luogo di arrivo contrapposto all’esodo continuo di uomini e donne costrette a lasciare questa stessa terra in cerca di una nuova speranza e di una alternativa. Se da un lato Augusta si spopola - aggiungono - e langue in un immobilismo culturale, dall’altro ha il potenziale per rinascere e diventare un luogo inclusivo per chiunque voglia rimanerci o ritornarci». 

Il barcone soccorso dalla nave della marina militare «imbarcava acqua e, quindi, era in procinto di affondare, con le persone a bordo prive di salvagenti che erano in imminente pericolo di vita». È così che la Marina ha ricostruito l'intervento di soccorso «in aderenza alle stringenti normative nazionali ed internazionali». Tra le 36 persone recuperate ci sono anche due donne e otto bambini. L'unità combattente della Marina fa parte del dispositivo della missione Mare sicuro voluta dal governo e dal parlamento per proteggere gli interessi italiani nel Mediterraneo centrale. Il pattugliatore Cigala Fulgosi, che conduce «attività di presenza, sorveglianza e deterrenza, anche in ragione all'attuale situazione di sicurezza presente in Libia», ha il compito di proteggere a distanza Nave Capri - anch'essa parte di Mare sicuro - che si trova ormeggiata nel porto di Tripoli dove fornisce «assistenza tecnico-logistica ai mezzi della Marina militare e della guardia costiera libica». 

Altri compiti sono la «salvaguardia del personale italiano presente a Tripoli e delle piattaforme estrattive dell'Eni al largo delle coste libiche». Dalla marina spiegano che mentre era impegnato in queste attività, il pattugliatore ha intercettato la piccola imbarcazione con a bordo i 36 migranti, che era in procinto di affondare. Così sono scattati immediatamente i soccorsi. «Io porti non ne do - aveva sentenziato il ministro dell'Interno Matteo Salvini - O si lavora tutti nella stessa direzione o non può esserci un ministro dell'interno che chiude i porti e qualcun altro che raccoglie i migranti. È vero che bisogna chiarire alcune vicende all'interno del governo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×