Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, nave Mare Jonio ha soccorso 29 persone
«Chiesto un porto sicuro». Salvini: «Restano chiusi»

Tra i migranti recuperati a bordo di un gommone in avaria ci sono una bimba di un anno, diversi minori e tre donne di cui una incinta. «Non abbiamo ricevuto segnalazioni ma li abbiamo individuati con un binocolo», spiegano da Mediterranea a MeridioNews

Marta Silvestre

Foto di: Mediterranea saving humans

Foto di: Mediterranea saving humans

La nave Mare Jonio dell'associazione Mediterranea saving humans ha soccorso 29 persone da un gommone in avaria in acque internazionali a 40 miglia al largo della Libia. «Tra loro ci sono anche una bambina di un anno, diversi minori e tre donne di cui una in gravidanza», fanno sapere i membri dell'equipaggio. 

«Non ci è arrivata nessuna segnalazione - dicono a MeridioNews dall'associazione - ma li abbiamo individuati con il binocolo mentre facevamo le nostre normali attività di monitoraggio delle acque del mare». Dopo l'avvistamento «qualcosa è entrato nel nostro radar, così ci siamo avvicinati e abbiamo visto che si trattava di un gommone - proseguono - giunti nelle vicinanze abbiamo sentito che gridavano aiuto e, così, li abbiamo soccorsi». 

Adesso, mentre procedono le operazioni dello screenig medico sanitario, la Mare Jonio ha chiesto un porto sicuro al centro di coordinamento italiano. Il più vicino sarebbe il quello di Lampedusa. «In attesa delle risposte, proviamo comunque una gioia immensa per le 29 vite che abbiamo messo in salvo», concludono da Mediterranea.

La risposta del ministro dell'Interno Matteo Salvini non si è fatta attendere. «Un conto è una nave della marina militare, che attraverso il suo ministro di riferimento si assumerà le proprie responsabilità, un altro una nave di privati o dei centri sociali, come la Mare Jonio. Per loro, i porti restano chiusi».

Tornata in mare lo scorso aprile, per una nuova missione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo, l'imbarcazione era stata posta sotto sequestro (e poi dissequestrata) dalla procura di Agrigento a seguito del salvataggio, a 46 miglia dalla costa libica, di 49 migranti e il successivo approdo al molo di Lampedusa. Il comandante Pietro Marrone e il capo missione Luca Casarini restano indagati con l'ipotesi di reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews