Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, padre gesuita mura entrata della chiesa
«Messaggio simbolico sul tema dell'accoglienza»

L'episodio è avvenuto ieri sera a Santa Maria della Scala, in occasione della visita dei sepolcri. I fedeli per accedere hanno dovuto procedere attraverso un percorso alternativo. All'interno poi hanno trovato due giovani migranti che distribuivano del pane

Simona Arena

Foto di: stampalibera.it

Foto di: stampalibera.it

Un muro di mattoni ha impedito l’accesso alla chiesa di Santa Maria della Scala dei padri gesuiti a quanti, ieri notte a Messina, andavano a visitare i sepolcri. Una provocazione quella ideata da padre Felice Scalia, che guida la chiesa, in occasione del giovedì santo per richiamare i fedeli ai temi dell’accoglienza e dell’ospitalità. Per entrare si doveva percorrere un sentiero illuminato da tante candele che faceva accedere in chiesa da una porta laterale. Lungo il tragitto dei cartelli che chiedevano al visitatore: «Chi cercate?», «Ero straniero, mi hai accolto?». Una volta all’interno della chiesa i fedeli hanno trovato delle foto accompagnate dalla didascalia «muro di razzismo» e due giovani migranti che hanno distribuito del pane. 

«Siete stati accolti da chi noi non abbiamo accolto», ha precisato padre Scalia «e il muro è la provocazione per riflettere sull’accoglienza e l’ospitalità che noi offriamo agli altri». Un gesto forte e simbolico con un muro di mattoni, alto, spesso, possente a impedire l’accesso per suscitare una domanda: «Sappiamo demolire muri separatori tra noi, posti come barriere con gli altri, in famiglia, nella società?». A dare una speranza era la sorgente di luce retrostante, «intangibile poiché volontariamente interclusa tra l’uscio dell’ingresso principale e il muro». Ecco, perché l’invito una volta dentro la chiesa, è stato quello di prendere una candela, accenderla e propagare «quella piccola fiammella fino a farla diventare, insieme alle altre, forte fascio luminoso di speranza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.