Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comiso, morto in un incidente stradale Mario Campailla
Il 56enne era ritenuto il reggente del clan degli Stiddari

Soprannominato U checcu Saponetta, il 56enne è deceduto in un sinistro lungo la strada Comiso-Santa Croce Camerina mentre si trovava a bordo della sua moto. Uscito dal carcere da due mesi, l'uomo nel 2015 aveva minacciato di morte il sindaco

Marta Silvestre

È morto in un incidente stradale, nel pomeriggio di oggi, lungo la strada provinciale Comiso - Santa Croce Camerina, Mario Campailla. Soprannominato 'U checcu e Saponetta, il 56enne è stato considerato dalla Direzione nazionale antimafia il reggente del clan degli Stiddari a Comiso

Uscito dal carcere da due mesi, si trovava agli arresti domiciliari. Campailla stava viaggiando sulla sua moto, una Kymco, in direzione Comiso. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, l'uomo avrebbe perso il controllo del suo mezzo, finendo nella corsia opposta e andando a sbattere contro il guard rail. Campailla sarebbe morto sul colpo. Da poco si sono conclusi i rilievi effettuati dalla polizia provinciale. Il fascicolo è stato affidato al sostituto procuratore Francesco Riccio.

Il 56enne ritenuto boss della Stidda era stato arrestato nel luglio del 2015 con l'accusa di avere creato una rete estorsiva all'interno della quale erano finite diverse vittime, tra commercianti e cittadini. In quella occasione, gli inquirenti avevano ricostruito diversi episodi in cui, per imporre il proprio controllo sul territorio, Saponetta e altri due avrebbero fatto ricorso anche a minacce e violenze: dalle cene gratis in panineria al pizzo chiesto a una ditta di onoranze funebri, passando per la pretesa di recuperare debiti mai contratti per evitare di ritrovarsi casa e negozio distrutti da una pala meccanica.

A diventare oggetto delle minacce di Campailla, nell'estate di quello stesso anno, era stato anche il sindaco di Comiso Filippo Spataro. In quell'occasione, il boss aveva minacciato il primo cittadino, per la decisione di allestire un palco in una zona diversa da quella da lui desiderata: «Se muntati u palcu vi scannu a tutti a partiri ro sinnucu, tanto avanti ca arriva a Volanti va scannatu a tutti (Se montate il palco vi scanno a tutti, a partire dal sindaco. Tanto, prima che arrivi la Volante vi ho già uccisi tutti, ndr)», aveva urlato pubblicamente l'uomo già ritenuto un «soggetto dall'alta pericolosità sociale».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×