Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comiso, minacce di morte al sindaco Spataro
Il boss Campailla: «Non ho paura della galera»

«Se montate il palco vi scanno a tutti, a partire dal sindaco». È solo una delle minacce che Mario Campailla, secondo gli inquirenti boss della Stidda comisana, avrebbe rivolto al primo cittadino. «Colpevole» di aver fatto montare un palco nella piazza in cui si trova il bar che l'uomo gestisce assieme alla compagna

Redazione

«Se muntati u palcu vi scannu a tutti a partiri ro sinnucu, tanto avanti ca arriva a Volanti va scannatu a tutti». Cioè: «Se montate il palco vi scanno a tutti, a partire dal sindaco. Tanto, prima che arrivi la Volante vi ho già uccisi tutti». Quel palco non s'aveva da fare. Per Mario Campailla, detto Mariu 'u checcu, la struttura che doveva servire per degli spettacoli in piazza Fonte Diana doveva essere montata da un'altra parte. Più a favore del bar che gestisce insieme alla sua compagna, in modo che i suoi clienti potessero comodamente seguire gli eventi organizzati dal Comune di Comiso

Per questo motivo, l'uomo non avrebbe esitato a presentarsi dal sindaco Filippo Spataro, per chiedere conto e ragione della decisione dell'amministrazione. «Nun mi scantu agghiri in galera», avrebbe detto. Del resto, Mariu 'u checcu in galera già c'è stato. Accusato di associazione mafiosa, secondo la direzione nazionale antimafia sarebbe il capo della Stidda di Comiso. Il vertice di un clan, rimasto a piedi fino a ieri. Anche se sorvegliato speciale.

Mario Campailla (nato a Vittoria nel 1962) viene definito un uomo dall'alta «pericolosità sociale». Per questo aveva l'obbligo di soggiorno a Comiso, controllato dagli uomini delle forze dell'ordine. Questo, però, non gli avrebbe impedito di minacciare chiunque avesse a che fare con quel palco, poco comodo per la clientela del suo bar. Prima se la sarebbe presa con gli operai che, spaventati, avrebbero sospeso le attività. E poi sarebbe andato direttamente negli uffici di Spataro, al palazzo di città. Secondo quanto riportato in una nota dalla squadra mobile, il sindaco avrebbe più volte tentato di spiegare le sue ragioni. Ma la risposta sarebbe stata: «Nun lu fari muntari se no ci rugnu fuocu». «Non lo fare montare, altrimenti lo incendio».

Le proteste di Spataro, però, avrebbero innervosito Campailla: «Allura se parri accussi ta scantari a nesciri ra casa». «Se parli così, devi avere paura a uscire di casa». A questo punto sarebbe partita la denuncia alla polizia. Sentito il sindaco e i dipendenti del Comune di Comiso, la squadra mobile ha arrestato il pregiudicato. Per la seconda volta da aprile. «Ma non finisce così», avrebbe replicato l'uomo. Che adesso si trova nel carcere di Ragusa.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews