Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Racket, polizia arresta tre persone a Comiso
Dai panini gratis al recupero di debiti inesistenti

A finire in manette sono stati Mario Campailla, ritenuto boss della Stidda, Salvatore Servo e Salah Ayed. Il primo in estate aveva minacciato di morte anche il sindaco Filippo Spataro. «Erano diventati il terrore di molti» dichiara il capo della squadra mobile di Ragusa. Guarda il video e le foto

Redazione

La polizia di Ragusa ha arrestato tre persone originarie di Comiso, accusate di aver creato una rete estorsiva all'interno della quale sono finite diverse vittime, tra commercianti e semplici cittadini. A finire in manette sono stati il 53enne Mario Campailla, detto Saponetta e ritenuto boss della Stidda, Salvatore Servo, 41 anni di Palagonia, e Salah Ayed, 43enne nordafricano conosciuto con il nome di Turi u tunisinu. Fondamentale per la riuscita dell'operazione, le diverse denunce arrivate alla polizia: «La collaborazione ha permesso di liberare la città di Comiso da tre delinquenti che erano diventati il terrore di molti commercianti e non solo» ha dichiarato il capo della squadra mobile di Ragusa Antonino Ciavola

Ayed Salah, 43 anni

Salvatore Servo, 41 anni

Mario Campailla, 53 anni

Le indagini hanno portato alla ricostruzione di numerosi episodi, nei quali gli arrestati imponevano con la violenza e le minacce il proprio controllo sul territorio. Dalle cene gratis in panineria al pizzo chiesto a una ditta di onoranze funebri, passando per la pretesa di recuperare debiti mai contratti e altro ancora, i tre non esitavano a ricorrere alle intimidazioni per estorcere somme di denaro anche cospicue. Come nel caso della richiesta di 5mila euro per evitare di ritrovarsi casa e negozio distrutti da una pala meccanica.

A diventare oggetto delle minacce di Campailla, in estate, era stato anche il sindaco di Comiso Filippo Spataro. In quell'occasione, il boss aveva minacciato di morte il primo cittadino, per la decisione di allestire un palco in una zona diversa da quella da lui desiderata: «Se muntati u palcu vi scannu a tutti a partiri ro sinnucu, tanto avanti ca arriva a Volanti va scannatu a tutti» aveva urlato pubblicamente l'uomo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews