Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sea Watch, procura di Roma ipotizza sequestro di persona
Fascicolo inviato a Siracusa, possibile un nuovo caso Diciotti

L'indagine è a carico di ignoti. A valutare possibili coinvolgimenti del governo saranno i magistrati aretusei che poi potrebbero mandare le carte al tribunale dei ministri di Catania. Un andamento simile a quanto accaduto con la nave della guardia costiera

Redazione

Il caso Sea Watch come quello Diciotti? Potrebbe essere così. A sostenerlo sono i magistrati della procura di Roma che hanno inviato il fascicolo aperto a carico di ignoti in seguito ai fatti accaduti al largo delle coste siracusane, dove a fine gennaio la nave dell'ong tedesca è rimasta ferma 12 giorni prima di avere l'ok allo sbarco da parte del governo italiano, sbarco poi avvenuto a Catania. 

A ipotizzare il reato di sequestro di persona sono i pm capitolini che, per competenza, hanno inviato il fascicolo alla procura di Siracusa. A questi ultimi, adesso, toccherà valutare se all'origine della vicenda possano esserci responsabilità dell'esecutivo. Qualora fosse così le carte passerebbero al tribunale dei ministri di Catania. Il procuratore aretuseo Fabio Scavone precisa che «sulla sosta della Sea Watch alla fonda di Siracusa nel gennaio scorso la procura non ha aperto alcuna inchiesta». Tutte le denunce presentate al suo ufficio che ipotizzavano un eventuale coinvolgimento di esponenti del governo sono state inviate alla procura di Catania, senza essere vagliate, perché la competenza sui reati ministeriali è della Procura distrettuale etnea. La stessa cosa farà con fascicolo arrivato dalla procura di Roma. 

Il canovaccio dunque potrebbe essere simile a quello visto per lo stop alla nave della guardia costiera italiana, rimasta, a metà agosto 2018, a poche decine di metri dal molo del porto di Catania, con 177 migranti a bordo. Uno sbarco che in quella occasione avvenne dopo circa una settimana e per il quale la giunta per le autorizzazioni del Senato si è dovuta pronunciare sul rinvio a giudizio per il ministro degli Interni Matteo Salvini. Il capo del Viminale, dopo avere incassato il no al processo da parte dell'organismo parlamentare, ha avuto anche la fiducia della maggioranza dell'assemblea a Palazzo Madama.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×