Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Araba Fenice, una falsa partenza per il processo
Legale: «Mancava videoconferenza per Giuliano»

Nell'aula del tribunale di Siracusa si è registrato un nulla di fatto nella prima udienza del procedimento che vede coinvolti il boss di Pachino e suo figlio, i fratelli Aprile, il consigliere comunale Salvatore Spataro e altri tre. Rinvio al prossimo 15 aprile 

Marta Silvestre

È cominciato questa mattina, nell'aula del tribunale di Siracusa il processo con rito immediato a carico del boss di Pachino Salvatore Giuliano, di suo figlio Gabriele, e poi ancora dei fratelli Claudio, Giovanni e Giuseppe AprileMaria Sanguedolce, Antonino Cavarra, il consigliere comunale Salvatore Spataro e Alex Greco, coinvolti nell’operazione Araba Fenice dello scorso luglio. La posizione dei nove imputati è stata stralciata da quella degli altri arrestati, una trentina in tutto. 

«In realtà un nulla di fatto questa mattina in aula - spiega a MeridoNews l'avvocato Giuseppe Gurrieri, difensore tra gli altri del capomafia - perché non era stato predisposto l'iter per avviare la videoconferenza per permettere a Giuliano di assistere all'udienza». Il 55enne, ritenuto al vertice dell'omonimo attivo nell'area sud della provincia di Siracusa che porta il suo nome, si trova sottoposto al regime del 41 bis nel carcere di Sassari. Provvedimento nei confronti del quale, tra l'altro, qualche settimana fa il legale ha presentato ricorso

L'udienza è stata rinviata al 15 aprile «anche perché - spiega l'avvocato - non risultavano effettuale le notifiche a nessuna delle parti civili coinvolte, di alcune non si sapeva l'esito mentre altri sono risultati irreperibili. Abbiamo chiesto che le notifiche vengano fatto tramite polizia giudiziaria e non per posta». Tutti gli altri imputati coinvolti nell’operazione Araba Fenice dovranno comparire davanti al gup Luca Lorenzetti il 2 aprile per decidere se chiedere di essere giudicati con rito abbreviato o affrontare il processo con rito ordinario.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews