Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Chamberlin, unico siciliano a Viareggio con i migliori della D
«Scappato dalla guerra. A Troina sto bene ma sogno il Milan»

L’esterno ivoriano, classe 2000, è arrivato in Sicilia su un barcone nel 2017. Gioca nella squadra in provincia di Enna ed è stato convocato nella Rappresentativa di serie D per il torneo giovanile più importante d'Italia

Luca Di Noto

«Devi scusarmi, ma parlo poco l’italiano». Un misto tra emozione e timore di dire qualcosa che non possa essere compreso. Con queste timide parole Sidibe Chamberlin Oualia, detto Alberto, comincia il racconto della sua storia a Meridionews. L’esterno offensivo in forza al Troina, classe 2000, (due gol e due assist in 24 presenze finora), è stato convocato dalla Rappresentativa di serie D che parteciperà nelle prossime settimane al Torneo di Viareggio, il più importante torneo giovanile in Italia, dove affronterà Cina under 19, Spal e Salernitana. L’ivoriano è l’unico calciatore di una squadra siciliana a far parte del gruppo dei 28 giocatori convocati da Tiziano De Patre e dal suo staff e ha compiuto 19 anni appena pochi giorni fa, essendo nato il 2 marzo del 2000. «Sono molto contento di questa convocazione e di come stanno andando le cose col Troina. Se sono qui è anche grazie alla mia squadra e al mister. Mi sto trovando molto bene con tutto il gruppo». E non potrebbe essere altrimenti dato che in rossoblu giocano anche due suoi connazionali, Ridwaru Olatunde Adeyemo e Drissa Touré.

Quella di Chamberlin è anche una storia di grande sofferenza. Arrivato in Sicilia con i barconi per sfuggire alla guerra, cerca un nuovo futuro lontano da casa: «Sono arrivato in Italia poco più di un anno fa, nel 2017. Non mi piace parlare di questo perché per me è stata una situazione durissima. Sono partito dalla Libia dopo tante sofferenze». Ancora minorenne, il giovane ivoriano ha lasciato in Costa d’Avorio la propria famiglia: «Sono dovuto scappare per colpa della guerra e ho perso mio padre. Inizialmente sono andato in Mali, ma anche lì poi è cominciata la guerra. E ho ripreso il viaggio». Anche in Africa il ragazzo giocava a pallone: «Ho cominciato da piccolo, frequentando la scuola calcio. Questa è la mia passione». Una passione che grazie al Troina ha potuto continuare anche in Italia: «Nella struttura dove vivevo giocavo con alcuni ragazzi. Lì qualcuno mi ha notato e così il signor Leanza (un osservatore, ndr) mi ha portato al Troina».

Ma non è facile convivere con il pensiero della propria famiglia lontana, in Costa d’Avorio: «Tornare in Africa non è nella mia testa, per ora mi sto concentrando su altro. Non sono tranquillo ovviamente al solo pensiero. Quando penso al mio Paese e alla guerra ho soltanto paura. Adesso però devo pensare ad altro». Non mancano i contatti con la propria famiglia, rimasta nel Paese natìo: «Parlo con mia sorella, sento lei per avere informazioni e aggiornamenti sul mio Paese e sulla mia famiglia». Sidibe si commuove e torna subito al calcio e ai suoi sogni: «Il mio calciatore preferito è Ronaldinho, l’ho sempre ammirato per la sua tecnica, il modo di usare il fisico e la sua velocità. Per me è un campione assoluto, sogno di emularlo». Tra i suoi idoli anche due calciatori che hanno vestito la maglia della Nazionale ivoriana: «Didier Drogba e Yayà Touré. Anche io sogno di vestire quella maglia, gioco proprio per arrivare fin lì».

Idee chiare sul suo futuro anche se il ragazzo non dovesse riuscire a sfondare nel mondo del calcio: «Io amo le macchine. Mi piacerebbe – confessa il classe 2000 – entrare nella compravendita di automobili, comprarle e venderle». In passato il Torneo di Viareggio ha funzionato come trampolino di lancio per molti giovani ragazzi in cerca di fortuna: «So che si tratta di una competizione molto importante per i giovani. Il mio sogno è giocare a Milano, con la maglia rossonera del Milan. La mia squadra del cuore – conclude Sidibe Chamberlin Oualia – è il Barcellona, ma in Italia tifo Milan perché mi piace la loro grinta e la determinazione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×