Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, lo Iacp sfratta l'associazione per disabili
Debito di 22mila euro, «ci basiamo su volontariato»

Tra pochi giorni nove ragazzi, tutti disabili, non potranno più svolgere attività di laboratorio nella sede delle associazioni Acca Gaia e Meter e Miles. «Avevamo chiesto un comodato d'uso, lo Iacp nasce come ente sociale e non dovrebbe contrastarci ma agevolarci», spiega Saro Visicaro

Simona Arena

Se non pagano 22mila euro entro dieci giorni dovranno abbandonare la sede dove svolgono i laboratori creativi. Si tratta di nove ragazzi, tutti disabili, alcuni anche gravi, che da anni svolgono attività laboratoriali e progetti di vario tipo all’interno della sede delle associazioni Acca Gaia e Meter e Miles

La sede si trova al piano terra di una delle palazzine Iacp di Pistunina. L'Istituto autonomo case popolari ha infatti notificato al presidente Saro Visicaro l’ingiunzione di sfratto. Nella lettera, sottoscritta dall'avvocato Giuseppe Corvaia, l’istituto concede dieci giorni di tempo per liberare le stanze da tutti gli arredi. Lo sfratto è stato determinato dall'accumularsi di una somma arretrata per le pigioni dovute che supera i 22mila euro. Somma accumulatasi, come sottolineato dal legale, anche per il mancato ottemperamento da parte delle associazioni ad un piano di ammortamento concesso in precedenza. 

Unica possibilità per scongiurare il provvedimento è pagare il debito entro dieci giorni. Una chimera per un'associazione che si basa esclusivamente sul volontariato. «Abbiamo questa sede nella zona Sud e dovremmo pagare un canone mensile di 190 euro - spiega Visicaro - È vero non abbiamo pagato, ma perché avevamo chiesto di fare un comodato uso o di cambiare rapporto tra l’associazione di volontariato e Iacp sottoscrivendo un protocollo di intesa affinché le botteghe che vengono considerate tali, e quindi sono soggette a un canone per attività commerciale, vengano tramutate come locali per attività sociali». 

Ma queste richieste non hanno trovato seguito e negli anni i debiti si sono accumulati fino ad arrivare all’ingiunzione di sfatto. «In questa città sembra che tutto sia complicatissimo. E non siamo gli unici a trovarci in queste condizioni - prosegue Visicaro -. Un ente come lo Iacp nasce come ente sociale e non dovrebbe contrastare quello che facciamo ma agevolarci. La situazione dovrebbe essere risolta a livello istituzionale». Nel frattempo Ambra, Vincenzo, Michele, Marco e i loro amici temono di perdere i loro laboratorio. Non riescono a capire il perché. E non è facile spiegarlo. «Quella sede rappresenta un avamposto nella zona sud – conclude – e chiuderlo sarebbe una sconfitta per tutti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×