Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Formosa, arriva in ritardo sospensione per il vigile
Madre: «Ancora sviste e dimenticanze. Chiedo giustizia»

Il provvedimento deciso dalla commissione disciplinare del Comune di Siracusa sarebbe dovuto partire il primo giorno dell'anno. «Invece abbiamo visto l'agente in servizio e siamo stati noi a segnalare la cosa», dice la signora Lucia a MeridioNews

Marta Silvestre

«Ancora sviste e dimenticanze». Inizia così il post che ha pubblicato questa mattina sul proprio profilo Facebook Lucia, la madre di Renzo Formosa, il 15enne siracusano morto in un incidente stradale nella tarda mattina del 21 aprile del 2016. Il disguido sollevato dalla donna riguarda un ritardo nell'applicazione della sanzione disciplinare prevista per uno due agenti della pattuglia della polizia municipale che intervennero sul luogo dell'incidente, in via Bartolomeo Cannizzo. «Nei primi giorni di gennaio abbiamo notato che il vigile era regolarmente in servizio quando invece per lui la sospensione sarebbe dovuta partire a decorrere dal primo giorno dell'anno - spiega a MeridioNews la signora - Sono stata io, per l'ennesima volta a segnalare e a sollecitare. Come sarebbero andate le cose se non avessimo provveduto noi familiari che chiediamo solo giustizia?». 

Il provvedimento, in effetti, è stato deciso dalla commissione disciplinare del Comune di Siracusa all'inizio di dicembre, dopo che il sindaco Francesco Italia aveva chiesto una relazione sul caso. Prevede la sospensione dal servizio per una durata di quindici giorni per uno dei due agenti e di due mesi per l'altro. La decurtazione dello stipendio per Francesco Callea e Francesco Gualtieri - questi i nomi dei due vigili - durerà fino al decimo giorno, a decorrere dall'undicesimo verrà invece corrisposto il 50 per cento della retribuzione. Alla base del ritardo ci sarebbe la mancata notifica del provvedimento - arrivata poi l'altroieri - da parte dell'ufficio del personale al comando di polizia municipale. Contattato da MeridioNews il comandante Enzo Miccoli ha scelto di non rilasciare nessuna dichiarazione in merito. 

I rilievi dell'incidente furono svolti dagli agenti della polizia municipale siracusana. L'avvocato dei Formosa, Gianluca Caruso, ha avanzato da tempo dubbi in merito ad alcune «anomalie sul fatto che non siano stati eseguiti accertamenti di prassi anche in incidenti con conseguenze meno gravi, come per esempio gli esami tossicologici e quelli relativi ai metaboliti urinari per tutti i soggetti coinvolti nel sinistro. Inoltre, mancano anche gli accertamenti relativi alla sospensione cautelare della patente per Salerno». Il processo nei confronti di Santo Salerno, il giovane alla guida della Fiat Panda, figlio di un vigile urbano attualmente in servizio, inizierà il prossimo 19 settembre, dopo tre richieste di patteggiamento rigettate

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×