Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, il 20% delle zucchine distrutte dalle gelate
Coldiretti: «Ora più controlli sui prodotti dall'estero»

«È un problema di non poco conto perché molti agricoltori hanno investito su questo prodotto che ha un basso costo di investimento», spiega a MeridioNews Gianfranco Cunsolo, il vicepresidente dell'associazione nel territorio del Ragusano

Marta Silvestre

Foto di: Coldiretti Sicilia

Foto di: Coldiretti Sicilia

«Le gelate hanno distrutto almeno il 20 per cento delle colture di zucchine nella zona di Santa Croce Camerina, Marina di Ragusa e Vittoria». È l’allarme lanciato da Coldiretti Sicilia che sta monitorando i danni dell’ondata di freddo su tutto il territorio regionale. Oltre al colpo per la serricoltura del Ragusano, infatti, negli ultimi dieci giorni segnalazioni sono arrivate anche da produttori di ortaggi nel Catanese (soprattutto nei territori di Ramacca e Motta Sant'Anastasia); mentre in alcune aree montane continuano i disagi per gli allevatori che devono recarsi nelle proprie aziende a causa della disastrosa situazione delle strade.

«Per gli agricoltori del Ragusano è un problema di non poco conto - spiega a MeridioNews Gianfranco Cunsolo, il vicepresidente della Coldiretti di Ragusa - Di recente molti di loro hanno preferito mettere a coltura i propri terreni con le zucchine perché hanno un basso costo di investimento iniziale per la produzione e una resa che funziona bene». Un settore dell'agricoltura già provato dalla crisi degli ultimi anni che non ha permesso a molti dei produttori di attuare delle misure preventive contro le gelate. «Non tutti hanno potuto mettere le coperture antigelo che avrebbero salvato le piante perché, anche se non prevedono cifre esorbitanti, per alcuni risultano comunque spese proibitive», precisa Cunsolo.

I dati ufficiali sui numeri precisi degli agricoltori ragusani colpiti non ci sono ancora. «Il dato del 20 per cento è ancora soltanto parziale e stiamo provvedendo a fare le segnalazioni alla condotta agraria». La soluzione, adesso, è quella di ricominciare da capo. «Chi ha la forza economica - sottolinea il vicepresidente della Coldiretti - potrà piantare nuove colture come pomodori, peperoni e cetrioli anche se, ripiantare in questo periodo dell'anno porta alla raccolta in un momento in cui i mercati cominceranno già a crollare». 

L'appello di Cunsolo va alle istituzioni locali ma non solo. «Possono e devono aiutarci facendo più controlli soprattutto nei porti per monitorare e arginare l'immissione nel mercato di prodotti provenienti dall'estero che alterano il mercato con prezzi sempre più al ribasso. Una concorrenza sleale che ci danneggia perché ostacola le vendite dei prodotti della nostra terra». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×