Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Primarie Pd, reazioni dopo ritiro di Piccione
«Faraone già segretario? Ci si fermi tutti»

L'esponente dell'area Richetti, Antonio Ferrante, mette in guardia dalla possibilità di prendere atto del ritiro della candidatura e proseguire con il percorso che porterebbe all'incoronazione dell'ex sottosegretario. C'è però chi lo ritiene già vincitore

Miriam Di Peri

«Tecnicamente, Davide Faraone è il segretario del Partito democratico siciliano». A dirlo sono fonti interne del quartier generale del luogotenente di Matteo Renzi in Sicilia che, però, al momento ha scelto di non rilasciare dichiarazioni alla stampa, dopo il ritiro della competitor Teresa Piccione. Due le ipotesi che potrebbero profilarsi a questo punto. La prima è quella della celebrazione delle Primarie, ma con un solo candidato. La seconda è quella che Faraone possa essere proclamato dalla commissione regionale per il congresso. Fermo restando che, intanto, i ricorsi degli zingarettiani in tribunale andranno avanti.

Nel frattempo anche l'ex tesoriere Lillo Speziale avrebbe rassegnato le sue dimissioni dalla commissione regionale per il congresso, mentre il segretario uscente del Pd e presidente della stessa commissione regionale, Fausto Raciti, sta rientrando a Palermo da Roma dove era impegnato nei lavori parlamentari.

A intervenire è anche Antonio Ferrante, esponente dell'area Richetti: «Come avevamo ampiamente previsto, astenendoci già in occasione della direzione regionale che ha dato via al congresso con il voto di qualche decina di componenti - dichiara in una nota - quello che doveva essere un congresso di rigenerazione si sta rivelando la messa funebre del Pd siciliano. Chi ha ancora a cuore le sorti della nostra comunità politica e della Sicilia ha il dovere di fermarsi, chi si ostinerà ad andare avanti se ne assumerà la responsabilità davanti alla nostra gente». 

Secondo Ferrante, «dal giorno della direzione, i siciliani, almeno quelli che ancora sanno che esistiamo, hanno assistito a un continuo susseguirsi di ricorsi, accuse e attacchi, palesi violazioni di tutte regole interne, dichiarazioni di voto da parte di esponenti di Forza Italia e addirittura minacce di commissariamenti a mezzo stampa rivolte a quei pochi circoli che ancora resistono e volevano, legittimamente, eleggere i propri coordinatori, il tutto condito da prima ingerenze romane prive di qualsiasi legittimazione e, ieri, da un parere della commissione di garanzia deliberato a maggioranza, e quindi con la prevalenza dei componenti della vecchia gestione, orientato ad accrescere la frattura prima che a comporla. In questo quadro desolante - continua Ferrante - non resta che fare tutti un passo indietro e ripartire, insieme e con regole condivise, nel più breve tempo possibile».

Infine l'avvertimento: «Proponiamo un incontro sereno tra tutte le parti in causa per interrompere la spirale di veleni. Qualora qualcuno faccia ancora orecchie da mercante - conclude - chiunque la spunti in questa guerra senza regole non sarà il segretario del Pd, ma il sacerdote chiamato a porgergli l'estrema unzione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×