Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Primarie Pd, Faraone apre la campagna elettorale
«I tempi dei pupi e dei patti tra notabili sono finiti»

L'incontro convocato dal senatore dem con giornalisti e sostenitori per dare il via alla corsa alla segreteria del partito nell'Isola. Rubino: «Il nostro modello guarda a un ritorno alla partecipazione vera e non ai tesserifici dei deputati»

Miriam Di Peri

Avevano assicurato che il loro sarebbe stato un profilo propositivo e non polemico, che non avrebbero fatto volare gli stracci nella campagna elettorale delle Primarie e che questa sarebbe stata una festa della democrazia. Ma oltre i buoni propositi, anche Davide Faraone, sollecitato dai giornalisti a margine della conferenza stampa di lancio della sua campagna elettorale, ha tirato fuori la cenere da sotto il tappeto, mirando all’ala zingarettiana del partito che sostiene la corsa alla segreteria della sua competitor, Teresa Piccione

«Ho deciso - ha ammesso alle telecamere il senatore renziano - di rifiutare una logica di unità fittizia, perché credo che siamo in emergenza. Il Pd è in crisi e non può permettersi un patto fra notabili, che era esattamente quello che mi era stato proposto. Scegliere tra i nomi di Gandolfo Librizzi e Giuseppe Bruno e concordare secondo una logica di spartizione tra correnti, le segreterie provinciali. Da una parte, insomma, c'era l'ipotesi di mettersi insieme e fare un pupo come segretario, mentre dall'altra si esprime una posizione politica e su questo ci si confronta. I pupi e i patti fra notabili - continua Faraone - non possiamo più permetterceli. Loro stessi hanno dichiarato che se non ci fossi stato io candidato ci sarebbe stato un candidato unitario, facendo anche i nomi di due miei amici. Questo non solo non è utile ma se si fosse scelta questa strada, del partito sarebbero rimaste le ceneri».

È una sala gremita, quella del Caffé del Teatro Massimo, dove Faraone ha convocato giornalisti e sostenitori per dare il via alla campagna elettorale che porterà i simpatizzanti del Pd, il prossimo 16 dicembre, a scegliere la nuova guida del partito in Sicilia. Tra i volti nuovi e i big sponsor c’è anche la presidente nazionale di Arcidonna, Valeria Ajovalasit, che negli scorsi giorni ha manifestato il proprio endorsement nei confronti del luogotenente di Matteo Renzi in Sicilia. «Il problema non è l'avere scelto un candidato uomo, il tema è nel merito. Se quella candidatura femminile non rappresenta le istanze che in tutti questi anni ho portato avanti sul femminismo, sui diritti e sulla libertà delle donne, allora non basta essere donna per avere il mio sostegno. Perché se un uomo mi garantisce questo, io appoggio quell’uomo».

A proposito delle polemiche sulla presenza del commissario forzista Gianfranco Micciché alla Leopolda sicula organizzata da Faraone, Ajovalasit ammette di non farsi scandalizzare «quasi da nulla». E aggiunge: «Sono disposta a confrontarmi con chiunque perché credo che le mie idee non vengano messe in discussione dal dialogo con chi non la pensa come me». Un nodo, quello dei rapporti con Micciché, sul quale interviene anche Faraone, non nascondendosi dietro a un dito: «Io ho un modello di partito radicalmente alternativo, un contenitore che aggreghi coloro che pensano che Lega e Movimento 5 stelle siano populisti, pericolosi, antimeridionalisti e razzisti».

Anche il leader dei Partigiani Dem, Antonio Rubino, sottolinea di «non credere che Davide voglia allargare a Cardinale e Micciché, è una cosa che va sgomberata dal campo. Né mi pare che dall’altra parte si voglia allargare a sinistra, anche perché non capirei a quale sinistra. Mi pare che ci siano due modelli di partito, il nostro modello - assicura Rubino - parte da un ritorno alla partecipazione vera e non ai tesserifici dei deputati». Parla di questione generazionale anche il segretario uscente Fausto Raciti, a sua volta presente all’apertura della campagna elettorale di Faraone: «Abbiamo scelto di sostenerlo perché pensiamo che da questo congresso emerga una linea di frattura, oltre che politica, di carattere generazionale e pensiamo che il Pd - dichiara il segretario uscente e da tempo dimissionario - debba provare ad andare avanti e non possa ritornare a un tempo d’oro, che per altro in Sicilia non c’è mai stato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email