Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Genio civile, si dimette il direttore Manlio Munafò
Dopo accusa di negligenza ricevuta da Musumeci

La decisione arriva all'indomani del passo indietro fatto a Catania da Gabriele Ragusa. Entrambi i casi sono legati a quanto accaduto la scorsa settimana con i nubifragi che hanno evidenziato le carenze in tema di manutenzione degli alvei di fiumi e torrenti

Simone Olivelli

Più che un effetto domino, una decisione arrivata in ritardo di qualche ora. Può essere letta così la notizia delle dimissioni di Manlio Munafò dai vertici del Genio civile di Palermo. A fare un passo indietro era stato ieri il capo degli uffici catanesi Gabriele Ragusa. Entrambi pagano quanto accaduto nei giorni scorsi, con i nubifragi che si sono abbattuti su più parti della Sicilia a evidenziare - al netto della portata eccezionale degli eventi atmosferici - le carenze in tema di prevenzione e manutenzione degli alvei di fiumi e torrenti. 

A tirare in ballo Munafò e Ragusa era stato peraltro due sere fa direttamente Nello Musumeci. Il presidente della Regione ha annunciato un'indagine interna per capire di chi fossero le responsabilità. Un monito accompagnato dal chiaro messaggio: «Chi sbaglia deve pagare». Per il momento le funzioni di Munafò passeranno a Salvatore Lizzio, il dirigente del dipartimento regionale tecnico, la struttura che sovrintende l'operazione delle varie sedi del Genio civile. Anche il nome di Lizzio, per bocca dello stesso Musumeci, resterebbe in ballo per un'eventuale sostituzione. 

La questione prevenzione nel demanio fluviale rimane comunque complessa e difficilmente cambierà con l'ingresso di nuove figure al vertice del Genio civile. Peraltro, a occuparsi della gestione del bacino idrografico dell'Isola dovrebbe essere da qui in avanti l'Autorità di bacino costituita la scorsa primavera con compiti specifici, ma che ancora deve entrare a regime e che soltanto da poco ha visto trasferiti i capitoli di bilancio in un primo tempo assegnati al dipartimento al Territorio. In ballo, ancora una volta, c'è la capacità dell'amministrazione di riuscire a pianificare la messa in sicurezza dell'isola, evitando di intervenire solo dopo i danni. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×