Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani Calcio, Morace mette in vendita la società
Dal tracollo in Eccellenza al sogno sfumato della A

L'imprenditore trapanese, dimessosi dal ruolo di presidente, ha deciso di mollare la squadra dopo quasi 13 anni. Un periodo in cui i granata hanno raggiunto i migliori risultati della propria storia calcistica, ma nel quale non sono mancati i momenti difficili. L'annuncio con una lettera ai tifosi

Pamela Giacomarro

Vittorio Morace dà ufficialmente il suo addio al Trapani Calcio attraverso una lettera indirizzata ai tifosi dove annuncia la messa in vendita della società. «Con grande dispiacere - si legge nella nota pubblicata sul sito della società - devo informare i tifosi, dopo più di 12 anni di entusiasmo, passione e dedizione al progetto Trapani Calcio, di non avere più la forza di continuare. Le note vicende giudiziarie - prosegue il numero uno della Liberty Lines -, aggravate dall’età e dal mio stato di salute, mi hanno profondamente segnato e sconvolto la mia famiglia e il nostro modo di vivere. Ho affidato ai miei consulenti di fiducia - conclude - il compito di consegnare idealmente il titolo alla città di Trapani, affinché esponenti delle professioni, dell’imprenditoria, del commercio e del tessuto produttivo possano proporsi per rilevare il Trapani Calcio e garantire la prosecuzione dell’attività sportiva». 

La famiglia Morace è rimasta travolta dall’inchiesta Mare Monstrum, sulla cosiddetta tangentopoli del mare che portò, lo scorso anno, all’arresto di Ettore Morace, figlio di Vittorio, proprietario insieme al padre della compagnia di navigazione, e dell'ex sindaco di Trapani ed ex deputato regionale Mimmo Fazio. Vittorio Morace, già lo scorso mese di marzo, aveva deciso di rassegnare le dimissioni da presidente del Trapani Calcio. La guida della compagine granata, dopo l’assemblea dei soci, passò a Paola Iracani, nominata amministratori tecnico. Oggi l’addio definitivo da parte dell’uomo che ha fatto la storia della società granata. 

Morace acquisì la società nell'estate del 2005 al termine di una complessa e articolata trattativa con l'imprenditore Nino Birrittella. La strada però sarebbe stata in salita ed irta di difficoltà: il primo anno di presidenza, infatti, è legato al peggiore risultato sportivo della storia granata con la retrocessione dalla serie D al campionato di Eccellenza nella stagione 2005-2006. Seguirà una stagione surreale, la squadra affronterà il torneo successivo con una pesante penalizzazione di 12 punti a causa di una vicenda di illecito sportivo che non è mai stata chiarita del tutto. Nonostante il forte handicap, il Trapani otterrà la salvezza e nella stagione successiva, 2007-2008, tornerà in serie D classificandosi seconda in campionato e vincendo la lunga serie di play off, sotto la guida tecnica del compianto Tarcisio Catanese. Seguirà un'annata di transizione nel massimo campionato dilettantistico, al termine della quale il presidente Morace annuncia la sua decisione di lasciare la società. Ci ripenserà dopo poche settimane, ripartendo dal nuovo tecnico, Roberto Boscaglia

Ha inizio l’incredibile scalata del Trapani che al termine della stagione 2009-2010 si ritroverà ripescata in quello che allora era il torneo di Lega Pro-Seconda divisione e, da matricola, otterrà il secondo posto e vincerà i play off, ottenendo l'accesso in Prima divisione. La stagione successiva è tra quelle che i tifosi del Trapani ricordano meno volentieri, la squadra si ritroverà sorprendentemente in testa, ma dilapiderà un cospicuo vantaggio di punti a favore dello Spezia subendo un incredibile sorpasso e fallendo anche l'appuntamento promozione ai play off. Nella stagione 2012/2013, però, il Trapani di Vittorio Morace si prenderà la rivincita, stravincendo il campionato dopo un lungo duello con il Lecce e ottenendo per la prima volta nella sua storia la promozione in Serie B. Quattro stagioni in serie cadetta, arrivando a sfiorare il sogno della serie A nel 2016, guidati in panchina da Serse Cosmi. Nella passata stagione, invece, la retrocessione in C, frutto di un crollo nelle ultime partite.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×