Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento: scoperte quattro discariche abusive
Sette persone denunciate, multe per 25mila euro

Sono i risultati di un maxi controllo ambientale. Venti attività ispettive fatte da oltre cento militari dei carabinieri in tutta la provincia agrigentina. Controlli a Ravaddusa, Porto Empedocle, Palma di Montechiaro, Campobello di Licata, Canicattì e Favara

Redazione

Quattro discariche abusive, sette denunce, due tonnellate di materiale ferroso illecito sequestrato e 25mila euro di multe. Sono questi i numeri di un maxi controllo ambientale, con venti attività ispettive, fatto da oltre cento militari dei carabinieri di Agrigento in tutta la provincia. Un'operazione congiunta fra i reparti speciali del nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro, il centro anticrimine natura e i carabinieri di Agrigento, Sciacca, Cammarata, Canicattì e Licata.

A Ravaddusa, i carabinieri hanno denunciato il 48enne G.B. e il 75enne L.A. per ricettazione e violazione di norme in materia ambientale. Secondo quanto emerso dai controlli, i due avrebbero adibito abusivamente un'area privata a discarica abusiva di materiale ferroso. I carabinieri hanno trovato un autocarro e parti di veicoli con il telaio alterato per impedirne l'identificazione. Altre tre discariche abusive sono state individuate a Porto Empedocle su suolo comunale. Zone caratterizzate da un abbandono incontrollato di rifiuti pericolosi: 50 metri quadrati in contrada Inficherna sul letto di un corso d’acqua naturale, dieci metri quadrati in città e cento metri quadrati in un’area rurale.

Un garage diventato una autofficina meccanica abusiva è stato sequestrato a Palma di Montechiaro perché è risultato privo delle necessarie autorizzazione. Il titolare 40enne R.V. è stato denunciato e multato per un totale di cinquemila euro. A Campobello di Licata, durante un controllo in un esercizio di autoricambi è stata accertata la presenza di un lavoratore in nero. Al datore di lavoro è stata contestata una multa di 3750 euro

Nel corso di un'ispezione in un'autocarrozzeria a Canicattì, i carabinieri hanno denunciato il 70enne F.C. ritenuto responsabile di aver fatto depositare in modo incontrollato rifiuti pericolosi di varia natura. Un'attività diversa rispetto a quella registrata alla camera di commercio. Nessun registro e nessuna documentazione inoltrata al Comune. Al termine delle verifiche, è stato multato per una cifra complessiva di 16mila euro. A Favara, a essere denunciati sono stati il 23enne D.G., il 24enne G.G. 24 enne e il 50enne G.G. Tutti e tre sono stati trovati per strada mentre trasportavano cinque quintali di materiale ferroso senza autorizzazioni. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×