Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Politiche, Crisafulli corteggiato da Liberi e Uguali
«Me lo hanno chiesto in tanti, ma non mi candido»

L'ex senatore non ci sarà ai nastri di partenza delle elezioni di marzo. «Faccio come Maroni: non mi ricandido, ho altro da fare», dice a MeridioNews. Al suo posto però tra le liste del partito di Pietro Grasso ci sarà Maria Greco, sua fedelissima e sindaco di Agira

Loredana Passarello

Foto di: Vladimiro Crisafulli Profilo Fb

Foto di: Vladimiro Crisafulli Profilo Fb

«Non mi candido ad alcuna competizione elettorale». L’ex senatore e caposaldo del Pd ennese, Vladimiro detto Mirello Crisafulli, taglia corto. Nonostante il corteggiamento arrivato da più parti e le voci non ufficiali che davano il suo nome nelle liste di Liberi e uguali di Pietro Grasso, Crisafulli non sarà della partita. Almeno direttamente. 

«Non so da dove vengano queste voci - sostiene Crisafulli, negando ogni suo coinvolgimento alle elezioni politiche - posso dirle però che me lo hanno chiesto e in tanti, ma ho rifiutato». A chiedere la presenza dell'ex senatore, un tempo plenipotenziario nella sua provincia e trascinatore di consensi, per un seggio all'uninominale sarebbero stati, da quanto afferma l’ex senatore, «più di un partito: sia il Pd che Liberi e uguali, ma anche altri - ha assicurato -. Io però faccio come Maroni: non mi ricandido, ho altro da fare», dice facendo intuire di non gradire la conversazione. 

Se il nome di Crisafulli non compare in alcun lista di centrosinistra, si ripropone invece per Liberi e uguali, e non con il Pd, il nome di Maria Greco, sua fedelissima, deputato uscente dei dem e sindaco del comune di Agira. Crisafulli, un tempo rappresentante di un sostanzioso bacino di voti, è stato sottoposto ad indagini, poi archiviate e prescritte. Nel 2015 era stato lo stesso Matteo Renzi a stoppare la sua candidatura a sindaco di Enna, fino poi al commissariamento, ancora in atto, della segreteria cittadina del partito. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×