Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Politiche, Crisafulli corteggiato da Liberi e Uguali
«Me lo hanno chiesto in tanti, ma non mi candido»

L'ex senatore non ci sarà ai nastri di partenza delle elezioni di marzo. «Faccio come Maroni: non mi ricandido, ho altro da fare», dice a MeridioNews. Al suo posto però tra le liste del partito di Pietro Grasso ci sarà Maria Greco, sua fedelissima e sindaco di Agira

Loredana Passarello

Foto di: Vladimiro Crisafulli Profilo Fb

Foto di: Vladimiro Crisafulli Profilo Fb

«Non mi candido ad alcuna competizione elettorale». L’ex senatore e caposaldo del Pd ennese, Vladimiro detto Mirello Crisafulli, taglia corto. Nonostante il corteggiamento arrivato da più parti e le voci non ufficiali che davano il suo nome nelle liste di Liberi e uguali di Pietro Grasso, Crisafulli non sarà della partita. Almeno direttamente. 

«Non so da dove vengano queste voci - sostiene Crisafulli, negando ogni suo coinvolgimento alle elezioni politiche - posso dirle però che me lo hanno chiesto e in tanti, ma ho rifiutato». A chiedere la presenza dell'ex senatore, un tempo plenipotenziario nella sua provincia e trascinatore di consensi, per un seggio all'uninominale sarebbero stati, da quanto afferma l’ex senatore, «più di un partito: sia il Pd che Liberi e uguali, ma anche altri - ha assicurato -. Io però faccio come Maroni: non mi ricandido, ho altro da fare», dice facendo intuire di non gradire la conversazione. 

Se il nome di Crisafulli non compare in alcun lista di centrosinistra, si ripropone invece per Liberi e uguali, e non con il Pd, il nome di Maria Greco, sua fedelissima, deputato uscente dei dem e sindaco del comune di Agira. Crisafulli, un tempo rappresentante di un sostanzioso bacino di voti, è stato sottoposto ad indagini, poi archiviate e prescritte. Nel 2015 era stato lo stesso Matteo Renzi a stoppare la sua candidatura a sindaco di Enna, fino poi al commissariamento, ancora in atto, della segreteria cittadina del partito. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews