Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La Gaipa, impiegato che ha denunciato è attivista M5s
Già in estate alcune mail attaccavano sua candidatura

Dalle carte dell'inchiesta che ha portato all'arresto del candidato pentastellato emerge un quadro fatto di piccoli soprusi nei confronti dei dipendenti. Sullo sfondo, però, potrebbero avere avuto un ruolo anche gli screzi tra i vari gruppi grillini di Agrigento. Le intercettazioni ambientali sarebbero circolate già mesi fa

Simone Olivelli

Una miserevole storia di sfruttamento del lavoro, ma che va anche contestualizzata nella contesa interna al Movimento 5 stelle agrigentino. Per inquadrare al meglio l'arresto di Fabrizio La Gaipa, 42enne agrigentino candidatosi alle Regionali con il Movimento 5 stelle, bisogna prendere in considerazione tanto gli elementi ricostruiti dall'indagine della Procura - con il gip Stefano Zammuto che ha disposto gli arresti domiciliari, dopo che il pm Carlo Cinque aveva chiesto la custodia in carcere - quanto le dinamiche, a volte per nulla lineari, della galassia grillina. Che ad Agrigento registra, accanto al gruppo di attivisti che ruota attorno alla consigliera comunale Marcella Carlisi, e di cui La Gaipa fa ufficialmente parte, alcuni meet-up non allineati. Un doppio binario attorno a cui in queste ore, ad Agrigento, si dibatte tra gli attivisti che vivono da vicino il caso. Con il Movimento 5 stelle accusato di non essere immune agli impresentabili e Giancarlo Cancelleri che ha atteso diverse ore prima di commentare l'arresto di La Gaipa affermando che, dai documenti presentati prima della candidatura, sarebbe stato impossibile venire a conoscenza dell'indagine in corso

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×