Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali 2017, due eletti e mezzo tra gli impresentabili
Voto chiacchierato non colma il vantaggio di Musumeci

Anche a urne chiuse, e specie dopo l'arresto stamattina del neo deputato Cateno De Luca (Udc), il tema continua a occupare il dibattito pubblico. «È una vittoria infangata», ha detto Di Maio. «Non mi hanno votato», ha replicato Musumeci. Ecco come sono andati i candidati più chiacchierati e quanto hanno inciso

Salvo Catalano

Gli impresentabili. È stato il tema principale della campagna elettorale e non ha smesso di essere al centro dei discorsi dei vincitori e degli sconfitti neanche a urne chiuse e risultato acquisito. A maggior ragione dopo l'arresto, stamattina, del neo deputato Cateno De Luca, eletto in quota Udc, per una presunta evasione fiscale da due milioni di euro. Il loro inserimento nelle liste a sostegno di Nello Musumeci è stata la principale accusa rivolta al candidato ma, stando ai risultati ottenuti dal neo eletto presidente, la maggioranza dei siciliani andata alle urne non sembra averci dato molto peso. «È una vittoria infangata dagli impresentabili», sono state le prime parole di Luigi Di Maio lunedì sera a Caltanissetta. Poche ore dopo Musumeci, da Palermo, ha replicato: «Io ho avuto alcuni punti in meno della coalizione. Avevo chiesto agli impresentabili di non votarmi e sono stati precisi e puntuali e li ringrazio». Già, i voti. Quanti ne hanno presi i cosiddetti impresentabili? E quanto hanno pesato sulla vittoria del centrodestra? 

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×