Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Berlusconi e Salvini a Catania, ma non si parleranno
Il leghista: «Incontro Musumeci, garanzia di onestà»

Il segretario del Carroccio e il numero uno di Forza Italia domani sera terranno due differenti comizi a sostegno del candidato presidente del centrodestra. Escluso, almeno al momento, un incontro. Sullo sfondo la disputa per la leadership sulla scena nazionale in vista delle Politiche della prossima primavera

Loredana Passarello

Lo aveva anticipato già tre sere fa all’Astoria Hotel di Palermo: «Non incontrerò altri, solo Musumeci». Matteo Salvini aveva risposto così ai giornalisti che gli avevano chiesto se, nei sei giorni di eventi elettorali in giro per la Sicilia, avrebbe incontrato esponenti o leader di altri partiti della coalizione di centrodestra. La Lega, aveva detto, «è la vera novità di queste elezioni, anche tra le liste del centrodestra» che hanno imbarcato «alcuni personaggi che io non avrei candidato. Noi abbiamo detto molti no, incontrerò solo Nello Musumeci che insieme alla nostra squadra è garanzia di onestà e trasparenza».

Il leader della Lega Nord, che in questa campagna elettorale veste abiti meridionalisti e sicilianisti quando parla di efficienza amministrativa e autonomia regionale, sembra che intenda mantenere la parola anche giovedì, quando sarà costretto a dividersi la scena con Silvio Berlusconi, che alle 17 terrà un comizio al centro fieristico Le Ciminiere di Catania per sostenere Musumeci. Salvini, con lo stesso intento, parlerà però in piazza Teatro Massimo alle 19,30. Insieme a lui ci saranno Angelo Attaguile, segretario di Noi con Salvini, e Alessandro Pagano, coordinatore regionale del movimento, costola della Lega. Le conclusioni saranno affidate a Musumeci, che dovrà invece farsi in due per fare gli onori di casa ed essere presente a entrambi gli appuntamenti. 

Sembra che al momento dell’arrivo della notizia della presenza del leader azzurro a Catania, Salvini si trovasse sul treno per Agrigento e che abbia sperato per un momento un ennesimo cambio di programma di Berlusconi. Tuttavia, dopo una telefonata con Musumeci, Salvini ha deciso di mantenere inalterato il calendario della sua giornata catanese. Che sia una precisa presa di posizione verso gli alleati-avversari di Forza Italia, di cui Salvini ha già contestato la credibilità di alcuni dei nomi in lista per le Regionali, non c’è dubbio. Perfino nella sua tappa agrigentina, fanno sapere dal suo staff, il leader leghista ha incontrato gli altri esponenti dei partiti di centrodestra, tra i quali Roberto Di Mauro del Movimento per le Autonomie, mantenendo invece le distanze da Forza Italia e dai suoi esponenti locali che non ha mai incontrato. 

Se la Lega non tende la mano a FI, anche Berlusconi non tollera le fughe in avanti del ribellista Salvini, che vorrebbe arrivare a Palazzo Chigi alle prossime consultazioni e mantenere nello stesso tempo la propria autonomia all’interno del centrodestra. Era stato l’ex premier a servire sul piatto a Salvini un no secco: «Il premier lo indicherà chi ha più voti alle politiche», aveva detto Berlusconi. Ma ora alle Regionali il leader nordista parla di programmi e offre «l’esperienza di Zaia e di Maroni che stanno governando benissimo», rischiando di attirare oltre al voto di opinione, i consensi di quella parte di elettorato che non crede che il Movimento 5 stelle sia l’ultima sponda di un’efficace antipolitica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×