Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Autonomia, quale futuro attende lo statuto siciliano
Mangiameli: «Senza politici validi non si va lontano»

Il professore di Storia contemporanea Rosario Mangiameli parla a MeridioNews di uno dei nodi principali della campagna elettorale. A destra lo si difende a spada tratta, mentre nel Partito democratico c'è chi non nega di auspicarne l'abolizione. Il problema rimane sempre lo stesso: come viene usata questa specialità

Loredana Passarello

Foto di: Luca Parmitano

Foto di: Luca Parmitano

Quello del futuro dell'autonomia in Sicilia è forse il nodo attorno al quale si è maggiormente polarizzata la campagna elettorale per le Regionali di domenica prossima. Le posizioni a riguardo sono molto contrapposte, a partire dalla rivendicazione dello statuto speciale da parte di Gaetano Armao - designato assessore all'Economia da Nello Musumeci - all'ipotesi abolizione portata avanti dal sottosegretario alla Salute e braccio destro di Matteo Renzi in Sicilia Davide Faraone. MeridioNews ne ha parlato con il professore Rosario Mangiameli, ordinario di Storia contemporanea al dipartimento di Scienze politiche dell'Università di Catania.

Cosa ne pensa della proposta di referendum di Davide Faraone per abolire l’autonomia siciliana?
«Quanto chiede Faraone è in linea con la proposta del referendum dello scorso anno, ovvero di centralizzare nelle mani di un potere tutta una serie di prerogative, ma ricordiamoci che non andò in porto. L’attuale governo manda avanti i suoi provvedimenti a colpi di fiducia. Poi ci sono le interferenze per persuadere l’elettorato: "i mercati dicono", "l’Europa ci chiede". È una tendenza molto forte quella di tirare in ballo entità estranee alla sovranità popolare che vengono sempre evocate per prendere decisioni. Non mi sorprende che si voglia abolire le specialità, ma nel frattempo al Nord si fanno referendum per stabilire una nuova autonomia».

Il governo attuale ha instaurato un cattivo rapporto con le regioni autonome?
«Le regioni del Nord e del Sud hanno con lo stato centrale un rapporto diverso, le prime non volgono pagare le tasse, le seconde chiedono aiuto. Nella logica dello Stato democratico esiste i principio di sussidiarietà e solidarietà nazionale, secondo cui bisogna aiutare le parti meno avanzate. Inoltre bisogna ricordare che l’industrializzazione al Nord è avvenuta anche grazie al lavoro degli emigranti meridionali. L’industrializzazione, non l’hanno fatta da soli ma anche grazie al lavoro dei nostri nonni e padri: quella ricchezza è di tutti e deve servire a tutti, anche ad aiutare coloro che si trovano lontani dai processi di sviluppo».

Cosa bisogna fare?
«Sviluppare una maggiore solidarietà nazionale, ma anche quella internazionale. Accogliere e regolamentare è la prima cosa, poi dare diritti, mettersi nella possibilità di una collaborazione vera rispettando il principio di solidarietà nel nostro paese e nell’Unione Europea. L’emigrazione e la buona accoglienza dei migranti possono contribuire alla nostra ricchezza, ma con il riconoscimento dei diritti altrimenti si generano violenza, delinquenza e antagonismo in politica».

L’autonomia è una risorsa o va abolita?
«Come al solito diamo la colpa dell'incapacità politica alle istituzioni. Si può dire di tutto, ma il problema è come la gestiamo questa autonomia. Se non c’è una classe politica valida, come non c’è, se non c’è rapporto corretto tra governanti e governati, non arriveremo mai da nessuna parte».

Nove anni fa Raffaele Lombardo vinse le elezioni con un programma autonomista. Oggi invece c’è chi pensa di vincere puntando sull’abolizione della specialità. Cosa è cambiato?
«Lombardo si mise nella condizione di sfruttare l’onda di Forza Italia orfana di Totò Cuffaro. A fare conseguire quel risultato a Lombardo contribuì anche la sinistra che non fu capace di condurre una buona campagna elettorale. Lombardo stesso riconobbe che Forza Italia aveva fatto la parte più importante nell’acquisizione del consenso e la paragonava a un’idrovora che catturava voti. Il partito di Berlusconi era una forza politica nazionale, mentre Lombardo apparteneva al partito cattolico moderato di Casini che raccoglieva un forte consenso in Sicilia. Pertanto si propose all’interno delle alleanze berlusconiane come il contraltare alla Lega, una specie di Lega siciliana. La politica autonomista in questo c’entrava poco e il regionalismo non non ha avuto nulla a che vedere con la vittoria del centrodestra nel 2008».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews