Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Diga Furore, morti i due operai caduti nella cisterna
Dopo cedimento della piattaforma su cui lavoravano

L'incidente è avvenuto in mattinata, i due uomini - uno originario di Naro, l'altro di Favara - sono finiti all'interno del condotto in cemento armato che raccoglie il flusso superfluo. Sul posto si trovano vigili del fuoco e ambulanza. A indagare sono i carabinieri. Guarda le foto

Gabriele Terranova

Sono morti dopo che il cestello ispettivo ha ceduto. Si tratta di due operai della Diga Furore, infrastruttura di proprietà dell'Ente sviluppo agricolo (Esa), che questa mattina si stavano calando all’interno del calice di raccolta delle acque del bacino artificiale che raccoglie il flusso superfluo del Lago San Giovanni. A perdere la vita sono stati Franco Gallo Gaetano Cammilleri, rispettivamente di Naro e Favara.  

La piattaforma con la quale stavano scendendo all’interno dell’imbuto ha ceduto per cause ancora in fase di accertamento e i due sono precipitati all’interno dello stretto condotto in cemento armato. Sul posto, poco dopo l'accaduto, sono arrivati i vigili del fuoco, un'ambulanza e un elisoccorso del 118. A indagare sono i carabinieri.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×