Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Crocetta si ritira e attacca la politica palermocentrica
«Da solo non vinco, ma impedirei ad altri di vincere»

Il governatore ufficializza il passo indietro ma lo scontro con l'acerrimo nemico Leoluca Orlando non si attenua. «Ci sono palermitani che pensano di essere la Sicilia. E non è così», dice. E rivendica le sue scelte: «Michela Stancheris non era forse un assessore civico? E Scilabra, Vancheri, Borsellino?»

Miriam Di Peri

Non è un epilogo felice, quello tra Rosario Crocetta e i suoi alleati. Soprattutto, è tutt’altro che seppellita l’ascia di guerra tra il governatore uscente e l’acerrimo nemico, Leoluca Orlando. Non lo nomina mai direttamente, ma quello di Crocetta è un atto di accusa a una certa politica palermocentrica che non tiene conto «che la Sicilia non è soltanto Palermo».

«Io sono stato il presidente di tutti i siciliani - sottolinea il primo inquilino di palazzo d’Orleans -. La cosa spaventosa di questi cinque anni sono stati i muri di gomma contro cui mi sono scontrato». Ed eccolo lì, ancora una volta, il fantasma di Palermo: Crocetta parla di «palermitani che pensano di essere la Sicilia, che pensano di essere almeno Palermo. E non è così. Cinque anni fa noi abbiamo vinto per la prima volta come sinistra nei quartieri popolari di Palermo, di Catania, di Messina, dove la sfida era difficile, dove il voto era controllato, ma abbiamo parlato il linguaggio della gente. Eppure dal primo giorno dell’elezione mi sono trovato davanti un muro di gomma».

La scelta di un percorso di civismo politico la cui regia è stata affidata al primo inquilino di palazzo delle Aquile, Crocetta continua a non averla digerita. Perché il governatore rivendica il suo, di percorso di civismo politico: «Michela Stancheris non era forse un assessore civico? E Nelli Scilabra, Linda Vancheri, Lucia Borsellino?».

Insomma, per Crocetta questo «è un giorno di liberazione personale da un’esperienza che ha comportato molti sacrifici personali. Ho ricevuto tanti messaggi di affetto e stima - sottolinea ancora Crocetta -. Ma anche qualcuno di risentimento da parte di chi pensa che alla fine noi da soli avremmo preso più voti di coalizione. Un presidente uscente che da solo viene dato al 24 per cento non è candidato bruciato, anche perché - ironizza - io sono un candidato che in molti votano nel segreto».

«Io - ammette - sono sufficientemente forte per impedire che altri vincano, ma non sono sufficientemente forte da vincere da solo. Dal punto di vista nazionale, non dovrei fare altro che candidarmi, dal punto di vista del regolamento dei conti non dovrei fare altro che fargliela pagare a chi mi ha osteggiato in questi cinque anni. Invece chi verrà dopo di me, taglierà soltanto nastri».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×