Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Fava ad Alfano, il centrosinistra di Crocetta
«Voglio unità larga ed un incontro con Renzi»

Il governatore a Catania insieme ai fedelissimi, tra cui Antonio Fiumefreddo (pure lui al momento candidato alla presidenza), rilancia le primarie per il 17 settembre. Dietro di lui anche i settori del Pd scettici sul rettore di Palermo. «Non mi è piaciuto il modo in cui si è arrivati a proporre Micari», attacca Crocetta

Francesco Vasta

C’è qualche giornalista e la versione più ristretta del suo cerchio magico ad attendere il presidente della Regione, Rosario Crocetta, per un aperitivo improvvisato in un bar di piazza Università a Catania. Sono le ore degli occhi puntati sulla ritrovata concordia nel centrodestra, con Musumeci candidato, e sul travaglio intorno al nome di Fabrizio Micari per il Pd. Ma il governatore non rinuncia a dettare le sue condizioni e approfondisce il ragionamento sull’unità del centrosinistra rivolto ieri soprattutto alle forze che starebbero per candidare Claudio Fava. Al bar arrivano l’assessore regionale Luigi Bosco, il candidato all’Ars in pectore Giuseppe Caudo, qualche giovane fedelissimo, il deputato Gianfranco Vullo e, seduto poi alla destra del presidente, pure Antonio Fiumefreddo. Nominato da Crocetta alla guida di Riscossione Sicilia, l’avvocato è in pratica il secondo candidato presidente al tavolo del bar, dopo le conferme sulla sua corsa con il sostegno dei liberali da «nemico giurato della casta di impresentabili». L’occasione non è però buona per toni così duri, e l’incontro con governatore e sostenitori trascorre in gran cordialità.

Dice Crocetta: «Il centrosinistra va unito per evitare l’irresponsabilità dei grillini, che non fanno le Olimpiadi perché le può gestire il malaffare, e il ritorno di soggetti del vecchio mondo della politica - qui il riferimento alla coalizione di Musumeci - che sono i principali responsabili dello sfascio della Sicilia». All’opposto dovrebbe invece starci la responsabilità del centrosinistra, da riunire attraverso le primarie. «Vanno fatte proprio per scongiurare le divisioni, faccio appello a tutti coloro che hanno deciso di andarsene, dai bersaniani in poi – ribadisce il governatore – Io capisco che Fava ha sempre voluto essere candidato, la situazione è la stessa di cinque anni, ma le primarie sono un modo ragionevole per mettersi assieme».

Non è chiaro, però, se alla responsabilità sia chiamato lo stesso Crocetta con un passo indietro salva Pd, nel caso gli alleati continuassero a non sentirci. Una citazione di Lorenzo de’ Medici, infatti, non aiuta a decifrare le intenzioni del governatore: «Non mi prenderò mai la responsabilità di dividere il centrosinistra, ma non c’è alternativa al confronto democratico, dopodiché “di doman non c'è certezza”». Il punto, in realtà, è che «quella di Micari non è una candidatura ufficializzata, ma solo una proposta in campo, e a me non è piaciuto il modo in cui si è arrivati a questa proposta». Crocetta sa che il fuoco incrociato e l’incertezza di altri attori politici sul rettore palermitano giocano a suo favore, e della teorizzata unità di colazione traccia anche il perimetro. Convinto di poterne ancora incarnare la sintesi. Si può andare da Fava ad Alfano, secondo il governatore, in barba agli strali della sinistra radicale e nel momento in cui Alternativa popolare rilancia ancora una volta il nome di Giovanni La Via nelle more delle decisioni dem. «Io non ho pregiudizi – sibila il presidente – Voglio un’unità larga, prima di tutto con la sinistra e poi anche settori di centro moderato attorno ad un programma chiaro e preciso».

E se invece il governatore fosse strumento di quei settori del Pd che, senza farlo pubblicamente, spingono per accantonare quel Micari che non entusiasma? «Sto facendo un tentativo estremo per riunire tutti, non sono io a rompere il centrosinistra chiedendo le primarie, del resto con il rettore l’unità si è già rotta». C’è anche un’altra parola che ritorna spesso fra quelle pronunciate durante l’aperitivo del presidente: Renzi. «Dovrei incontrarlo fra uno o due giorni, è normale, si deve decidere perché le primarie vanno fatte il 17 settembre». Ma se il segretario Pd non le darà ascolto, che succede? «Se mi chiede questo è come se io non credessi alla mia stessa proposta», chiude infastidito Crocetta, per poi ordinare un analcolico al bar. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews