Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, rogo vicino ad azienda che produce moscato
«Uve salvate ma è una storia che si ripete ogni anno»

Le fiamme hanno impegnato vigili del fuoco, forestali e volontari per circa sette ore e i tronchi degli ulivi distrutti continuano a fumare. L'azienda agricola Pupillo è consapevole che le conseguenze sarebbero potute essere ancora peggiori. «Siamo in piena vendemmia, è stato scongiurato un danno enorme», dichiara la titolare

Danilo Daquino

Foto di: azienda agricola pupillo

Foto di: azienda agricola pupillo

«Voglio rassicurare tutti: stiamo bene, le vigne di moscato e i fabbricati storici sono salvi». A parlare è Carmela Pupillo, della omonima azienda agricola di Siracusa. A essere stati distrutti dalle fiamme, che nella giornata di ieri hanno interessato la contrada Targia, sono gli ulivi secolari e un limoneto su terrazzamenti dell’azienda agricola Pupillo. Roghi che sarebbero partiti dalla Balza delle mura Dionigiane, in zona Epipoli, per poi propagarsi con la complicità del vento e delle sterpaglie. 

«Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, del Corpo forestale dello Stato, della Protezione civile e dei carabinieri, sia con mezzi di terra che con canadair, ha permesso di mettere in salvo i vigneti - spiega Pupillo a MeridioNews -. Siamo in piena vendemmia, quindi è stato scongiurato un danno enorme. Quello in cui ci troviamo è l’ultimo polmone verde di Siracusa nord, insieme alla Balza delle mura Dionigiane, e quindi dovrebbe essere un territorio da proteggere e custodire», aggiunge.

Non sarebbe la prima volta che la Balza prende a fuoco. Pare che anche negli anni passati si siano verificati degli altri incendi, colpa, secondo la donna, che attende di rientrare negli appezzamenti per fare la stima dei danni, del pascolo abusivo e dell’incuria: «Ci sono ancora delle piccole lingue di fuoco, aspettiamo di avere maggiore contezza della situazione». 

L’azienda Pupillo è stata fondata nel 1908 per la produzione di agrumi e ortaggi. Dagli anni ’80 si occupa anche della produzione del Moscato di Siracusa, con vigne che si estendono per venti ettari e che sono scampate ai roghi devastanti, a differenza dei limoni e degli ulivi ultracentenari dai cui arbusti esce ancora del fumo. «È normale - precisa Carmela - i tronchi ci mettono dei giorni a spegnersi del tutto. Non erano piante particolarmente produttive ma erano senz’altro delle sculture naturali di grandissimo valore agricolo che purtroppo adesso non ci sono più». 

Al momento la situazione è sotto controllo. Ieri le operazioni di messa in sicurezza dei vigili del fuoco e dei volontari sono andate avanti per circa sette ore, fino alle 22, mentre altri focolai sono stati domati stamani. «Lavoro straordinario quello dei soccorritori che ringraziamo di cuore per aver difeso con le unghie e con i denti i nostri vigneti e per averci evitato danni irreparabili. A risentirne di più - conclude Pupillo - è stato l’ambiente e dunque anche la Balza della mura Dionigiane, con danni al patrimonio boschivo e archeologico», sottolinea la Pupillo.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews