Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata, Crocetta conferma gli aiuti della Regione
«Trenta milioni ora. Soldi ai privati? Più difficile»

Il governatore ha fatto visita alla città colpita dal maltempo degli scorsi giorni. Ha incontrato il sindaco Angelo Cambiano, che ha apprezzato l'impegno assunto. Per i commercianti, che sperano di ricevere dei risarcimenti, le speranze di un sostegno sono più deboli. Domani intanto arriveranno 30 forestali

Gero Rizzo

Nemmeno un mese fa ad accogliere il governatore Rosario Crocetta a Licata erano state le contestazioni dei titolari di case abusive e di alcuni consiglieri comunali. Al presidente della Regione veniva rimproverato il fatto che gli interventi necessari per abbattere gli edifici abusivi fossero in corso soltanto a Licata. Oggi Crocetta è tornato nel centro dell'Agrigentino per affrontare la gravissima questione del nubifragio che sabato scorso ha messo in ginocchio la città, e stavolta il clima è stato decisamente diverso. 

Ad accogliere il governatore c’era il sindaco Angelo Cambiano, gli assessori e alcuni consiglieri comunali. Ancor prima di salire al primo piano del municipio, Crocetta ha annunciato che cosa intende fare la Regione per affrontare l’emergenza. «Nel giro di una settimana avremo il quadro completo della situazione - ha detto il governatore -. Ho già parlato con Foti e Croce, capo della Protezione Civile e assessore regionale al Territorio, i quali contatteranno subito l’ufficio Tecnico del Comune per avere una relazione qualificata dei danni. Ma posso sin da subito annunciare che i 30 milioni di euro promessi sono già pronti».

Nella città del mare i danni sono davvero molto ingenti, si parla di alcuni milioni di euro. I commercianti, ieri sera, hanno manifestato tutta la loro disperazione in occasione del consiglio comunale straordinario convocato con urgenza dalla presidente Carmelinda Callea. In tanti vi hanno preso parte e all’inizio della seduta hanno pregato, insieme al cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo metropolita di Agrigento, giunto a sorpresa a Licata per una visita lampo. «Il governo nazionale e quello regionale sono pronti a dichiarare lo stato di emergenza per Licata, quindi non sarà necessario un passaggio in Aula, i tempi saranno celeri - ha continuato Crocetta -. Metteremo a disposizione i nostri tecnici per redigere i progetti che servono innanzitutto per realizzare una rete che convogli le acque piovane e poi sistemare le condotte fognarie urbane. Non mi piace sbilanciarmi, ma ritengo che nel giro di qualche mese potranno essere aperti i cantieri».

Cambiano ha ringraziato il governatore. «Questa è una città in ginocchio, non era mai accaduto che cadessero 166 millimetri di acqua in appena tre ore, è stato devastante - ha commentato -. Ora c’è da dare una mano ai commercianti del centro, e sono davvero tanti, che hanno perduto tutto». A riguardo Crocetta è stato più cauto. «La situazione è un po’ più complessa. Stiamo studiando le soluzioni possibili per venire incontro a questi esercenti ridotti sul lastrico dal nubifragio di sabato scorso. Non li lasceremo da soli, ma devo oggettivamente dire che ci vorrà più tempo per affrontare la loro situazione», ha ammesso il governatore. Intanto da stamani operai e mezzi dell’Esa sono al lavoro al fianco di quelli del Comune e della protezione civile, ma domani arriveranno i rinforzi. Antonello Cracolici, assessore regionale all’Agricoltura, ha annunciato che «ben 30 forestali arriveranno domani a Licata», ha spiegato. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews