Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Massoneria, la lista dei nomi di Pensiero e Azione
«Edificare templi alla virtù, scavare prigioni al vizio»

A far parte della loggia, guidata dal funzionario regionale Lucio Lutri, sono 15 persone. Molte delle quali - tanti medici ma anche un dirigente pubblico - omonime di amici Facebook del maestro venerabile. Che proprio sul social, alla vigilia della cerimonia, aveva scritto un messaggio soltanto in apparenza criptico

Simone Olivelli

Foto di: granloggia.it

Foto di: granloggia.it

Fratelli massoni e (forse) anche amici su Facebook. La lista degli affiliati alla loggia Pensiero e Azione - i cui documenti sono stati ritrovati in un cassonetto dei rifiuti, davanti al dipartimento regionale all'Energia - contiene altri 14 nomi oltre quello del funzionario, nonché maestro venerabile, Lucio Lutri. Gli altri iniziati sono Giuseppe Pipitone (primo sorvegliante), Gaetano Leonforte (secondo sorvegliante), Giovanni Pinto (oratore), Francesco Maggio (tesoriere), Salvatore Inguglia (primo esperto), Calogero Di Bella (secondo esperto), Nicola Cardile (maestro di cerimonia), Francesco Lo Monaco (ospedaliere ed elemosiniere), Giuseppe Virzì (grande esperto terribile), Vincenzo Frenda (primo diacono), Angelo La Porta (secondo diacono), Filippo Greco (fratello di loggia) e Ivano Scamardo (fratello di loggia).

Nomi che per la maggior parte corrispondono ad amici social dello stesso Lutri. Professionisti - perlopiù medici - e anche un dipendente pubblico che, però, stando a quanto da loro dichiarato a MeridioNews, sarebbero soltanto omonimi degli appartenenti alla loggia. Eccetto Raffaele Gillani, il dentista di Trabia che nei giorni scorsi, alla domanda su un suo ingresso nella loggia, ha risposto: «Ma a lei chi gliel'ha detto, scusi? Qual è il problema?». Tuttavia, che il famoso social network possa riflettere la passione di Lutri per la massoneria sembra confermato da un post, apparentemente criptico, che il maestro venerabile ha pubblicato alla vigilia della cerimonia di iniziazione. Il messaggio in bacheca è costituito soltanto da una lettera: la Q. Che per i massoni rappresenta il quadrilungo, ovvero la figura geometrica che, ricordando il piano della loggia dove si svolgono i lavori, simboleggia lo spazio sacralizzato.

Il gruppo si sarebbe riunito a Palermo il 5 marzo. Quel giorno tutto è iniziato con l'attesa nella sala dei passi perduti, dalla quale uno per volta fanno l'ingresso nel tempio. Previo, però, controllo: «Assicuratevi che tutti i presenti siano fratelli liberi muratori», ordina il maestro venerabile insediante ai due sorveglianti. Che a loro volta affermano di riconoscere i massoni presenti «dai segni che danno».

Nonostante ai fratelli sarà presto vietato intrattenersi «in questioni di politica e religione», nella cerimonia finisce anche il vangelo. Nello specifico, la prima pagina di quello di Giovanni. Su di essa - secondo il documento - il maestro venerabile sovrappone il compasso e la squadra, due dei principali simboli della massoneria. Archiviata la fase preparatoria, si passa all'ufficializzazione della nascita della nuova loggia, riconosciuta dal Grande Oriente d'Italia. 

Ed è in questo momento che Lutri promette di impegnarsi nella «diffusione dei principi massonici». Al funzionario del dipartimento regionale all'Energia vengono consegnati il grembiule, il collare, la spada fiammeggiante e il maglietto. Spetterà a lui, che siede a Oriente «come il sole», il compito di istruire «i fratelli col lume della propria scienza muratoria». A partire da oggi, giorno in cui - secondo il documento - la loggia diventa ufficialmente attiva. Con quale obiettivo? È uno dei sorveglianti a dirlo: «Edificare templi alla virtù, scavare prigioni al vizio e lavorare al bene e al progresso dell'umanità».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews