Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Alfonso Cicero si dimette da commissario Irsap
«Io minacciato, da Crocetta assordante silenzio»

Ieri è stato confermato commissario straordinario dell'Istituto per lo sviluppo delle attività produttive. Incarico rifiutato con una lettera inviata al governatore, accusato di aver contribuito al suo isolamento. E sull'ex assessora Vancheri: «Ha tramato in modo falso e ipocrita ai danni del sottoscritto»

Redazione

Alfonso Cicero rifiuta con una lettera la nomina di commissario straordinario dell'Irsap, l'Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, decretata ieri dalla giunta regionale. La decisione del governatore Rosario Crocetta è arrivata dopo oltre due mesi di stallo che avevano portato lo stesso Cicero a esprimere preoccupazione per la sua incolumità. Dubbi che adesso l'ex commissario ribadisce, accusando il presidente di «assordante silenzio» che ha «contribuito al suo isolamento». «La mia incolumità - scrive Cicero - è stata più volte messa a rischio da plurime minacce di morte e gravissime azioni intimidatorie che hanno colpito la mia famiglia e i miei più stretti collaboratori». 

Cicero è stato prima commissario e poi, a partire dal 2013, presidente dell'Irsap. Nel corso della sua attività ha denunciato il malaffare che si sarebbe celato dietro la gestione dei consorzi Asi. In particolare quello di Palermo, con incarichi e consulenze affidati senza gare pubbliche e affitti non riscossi da soggetti in odor di mafia. «Con la trasmissione di copiosi atti, diversi segretati - attacca Cicero nella lettera indirizzata a Crocetta - le è stata resa ben nota l'estesa attività istituzionale posta in essere dal sottoscritto nelle aree industriali della Sicilia e l'indispensabile azione contro i sistemi politico affaristico mafiosi che per anni hanno gestito nell'ombra e indisturbati ingenti interessi economici. Un'azione condotta senza sosta, sacrificando famiglia, salute e tanto altro nell'esclusivo interesse della Regione Sicilia».

Cicero è uomo di Confindustria Sicilia, a lungo ritenuto tra i più fidati del presidente Antonello Montante, che sarebbe indagato per mafia dalle procure di Caltanissetta e Catania. Ma i rapporti tra i due si sarebbero fortemente incrinati. È quanto ha denunciato ieri in un'intervista a Repubblica, un altro confidustriale, Marco Venturi, che ha parlato del «doppio gioco di chi sostiene una certa azione, il risultato però è che con i fatti favorisce interessi di mafia». E, sottolineando l'azione legalitaria di Cicero, ha aggiunto: «Non è mai piaciuta, nonostante le dichiarazioni di circostanza, al presidente di Confindustria Sicilia Montante. Montante ha sempre tentato di utilizzare per i suoi scopi l’opera di pulizia di Cicero, nell’ombra ha sempre cercato di neutralizzarlo anche se consapevole degli altissimi rischi che corre. Chi non vuole Cicero oggi in Sicilia lo sta trasformando in un bersaglio facile».

Poche ore dopo questa intervista è arrivata la nomina a commissario straordinario da parte di Crocetta, respinta da Cicero, che attacca anche l'ex assessora alle Attività produttive. «Linda Vancheri - scrive - per nulla autonoma, ha via via tramato, in modo falso e ipocrita, ai danni del sottoscritto al quale mai ha riservato, come lei del resto, quella dovuta e necessaria attenzione istituzionale ad esclusione di pochi e mal tollerati, fatti ed atti di circostanza. Allo Stato - aggiunge - unico vero e costante riferimento di questi anni, il sottoscritto non mancherà di offrire, ove necessario, ogni più utile e possibile contributo, nella piena convinzione che la lotta all'illegalità è l'unico presupposto possibile per lo sviluppo di un'economia sana e etica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews