Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Niscemi, messa di fronte al Muos
Il prete: «Sono vicino a chi lotta»

Venerdì, alle 10, di fronte al cancello della base americana, sarà celebrata una funzione religiosa. A officiarla, il parroco di Palma di Montechiaro, a 60 chilometri di distanza. «La pace si fa con la preghiera», dice. E le associazioni affermano: «Coinvolgiamo i niscemesi e teniamo alta l'attenzione»

Marco Di Mauro

La «messa della pace» celebrata sullo sfondo di una base militare. Accade a Niscemi. La cittadina della provincia di Caltanissetta è da tempo mobilitata contro il Muos, il sistema militare di comunicazioni satellitari, tre parabole alte più di 18 metri, in costruzione all'interno della base statunitense, a circa sei chilometri dall'abitato. Per disposizione del tribunale di Caltagironela zona è attualmente sotto sequestro e i lavori sono fermi. 

«Il nostro obiettivo è vedere gli americani smontare le antenne e andare via. Le recenti decisioni di Tar e tribunale sul sequestro del Muos ci rendono ottimisti. Guai però a pensare che il problema sia risolto». Claudia Pedilarco, attivista dell'associazione AParte i no Muos, composta in prevalenza da mamme niscemesi, spiega a MeridioNews perché organizzare una messa proprio davanti al cancello dell'installazione militare americana. «Pensiamo che la messa sia il modo per coinvolgere le persone che hanno paura di aggregarsi in una manifestazione e resta un modo per ribadire la nostra contrarietà al Muos e alla guerra». 

Il luogo è stato scelto con cura: «Davanti a un albero di carrubo, l'unico risparmiato dei tanti abbattuti per fare spazio all'espansione della base militare», afferma Pedilarco. Nel corso della liturgia «ognuno dei partecipanti sarà invitato a scrivere un bigliettino di pace ed appenderlo sui rami dell'albero». La messa si terrà questa mattina, alle 10: «Sono state invitate le scolaresche, la cittadinanza tutta. Anche il sindaco ci ha detto che parteciperà». Nonostante i tanti inviti, però, la partecipazione prevista non è alta: «Ci aspettiamo una cinquantina di persone. I niscemesi non rispondono bene. Alcuni pensano che il problema sia risolto, gli altri sono convinti che sia tutto inutile perché gli americani vincono sempre». 

A celebrare la funzione religiosa sarà don Fabio Maiorana, parroco di Palma di Montechiaro, Comune distante 60 chilometri da Niscemi. «La questione Muos non riguarda solo Niscemi ma tutta la Sicilia - sostiene il religioso - Voglio perciò testimoniare che anche la mia comunità è vicina a chi lotta contro la militarizzazione che sfregia il nostro territorio». L'immagine di una messa per la pace di fronte a un luogo che fa pensare alla guerra «è il modo cristiano per ricordare a tutti noi, e anche ai nostri fratelli americani, che la pace non si fa con la guerra». Alle manifestazioni NoMuos, quindi, si aggiunge un altro modo di contestare il sistema satellitare statunitense. Una scelta che trova il favore di una parte del movimento dei niscemesi. «Gesù è la pace per noi cristiani - conclude padre Maiorana - E la pace si raggiunge pregando e aprendo i nostri cuori alla speranza». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews