Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Buco della sanità, Crocetta convoca la maggioranza
Dove sono i soldi non erogati? E quanti sono gli interessi?

Con il passare delle ore la crisi finanziaria della Regione si complica e si aggroviglia. L'ammanco, come aveva previsto la scorsa settimana l'ex assessore Franco Piro, è di gran lunga maggiore di 2 miliardi di euro. Resta ancora da capire quanto costerebbero alle tasche dei cittadini siciliani - che sono quelli che pagheranno il conto - questi giochi di prestigio finanziari  

Giulio Ambrosetti

Ufficialmente, la riunione è stata convocata per discutere del mutuo da 2 miliardi di euro. In realtà, il tema del vertice di maggioranza convocato oggi pomeriggio a Palermo, a Palazzo d'Orleans, sede del Governo della Regione, dal governatore dell'isola, Rosario Crocetta, è molto più complesso. Se non altro perché, anche se a denti stretti, lo stesso esecutivo ha dovuto ammettere che l'indebitamento dell'Amministrazione regionale verso il proprio sistema sanitario è ben maggiore di 2 miliardi, se è vero che sfiora i 5 miliardi di euro, come la scorsa settimana aveva anticipato l'ex assessore regionale, Franco Piro. 

Il problema, insomma, è molto più grave di quanto era stato prospettato. Il Governo Crocetta, è noto, aveva presentato il quadro dell'indebitamento fino ad 31 dicembre 2011. E aveva detto che il buco era di 2 miliardi di euro. La Commissione Bilancio e Finanze dell'Ars ha chiesto all'esecutivo regionale di rendere noto l'indebitamento della Regione verso Aziende sanitarie provinciali e Aziende ospedaliere anche per i tre anni successivi: 2012, 2013 e 2014. Così l'indebitamento è schizzato all'insù. 

Tutto cambia, adesso. A cominciare dagli interessi pagati dal sistema sanitario siciliano. Se è vero che dal 2001 o dal 2006 - questo punto deve ancora essere chiarito - la Regione non ha corrisposto alle Aziende Sanitarie provinciali e alle Aziende ospedaliere l'ammontare delle somme previste dalla legge (ricordiamo che la spesa sanitaria, in Sicilia, costa oltre 8 miliardi e 600 milioni di euro circa, pagati, grosso modo, per metà dallo Stato e per metà dalla Regione), e se è vero che le stesse Asp e le Aziende ospedaliere si sono indebitate con le banche, ricorrendo a scoperture di tesoreria, ci sono ancora almeno due punti da chiarire. 

Primo: che fine hanno fatto i soldi che la Regione, in tutti questi anni non ha erogato al sistema sanitario siciliano? Si tratta di somme ragguardevoli che non possono essere giustificate a parole. Parliamo di denaro pubblico - miliardi di euro - la cui spesa deve essere indicata, alla lettera. Ma queste notizie, allo stato attuale dei fatti, non sono state fornite dal Governo. 

Secondo: se le Aziende sanitarie provincia e le Aziende ospedaliere della Sicilia hanno fatto ricorso a scoperture di tesoreria per più anni e per somme ragguardevoli, è chiaro che sono già stati pagati, o si debbono ancora pagare interessi. A quanto ammontano tali interessi? la scorsa settimana si parlava di 50 milioni di euro. poi di 30 milioni di euro. Erano calcolati sui 2 miliardi di euro o sui quasi 5 miliardi di euro? 

Tutte queste notizie non si leggono né nella prima relazione al disegno di legge sul mutuo da 2 miliardi di euro, né nella seconda relazione che l'assessore all'Economia, Alessandro Baccei, l'assessore alla Salute, Lucia Borsellino, e il dirigente generale, Salvatore Sammartano, hanno consegnato alla Commissione Bilancio e Finanze di Sala d'Ercole. 

Non è da escludere che, nella riunione di oggi, qualcuno possa chiedere conto e ragione di questi numeri che il Governo non ha ancora reso noti. Su questo fronte le notizie sono frammentarie. Si sa che la Commissione Sanità, sempre dell'Ars, stamattina, ha aggiornato i lavori a domani mattina, proprio per dare tempo ai parlamentari che ne fanno parte di esaminare la relazione Baccei-Borsellino-Sammartano. Ma si sa anche che una parte dei parlamentari che compongono la Commissione Sanità sarà presente oggi alla riunione di maggioranza. 

Un dato, comunque, sembra certo: alla luce dei buchi finanziari che, piano piano, vanno emergendo, i 2 miliardi di mutuo potrebbero non bastare più.         

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×