Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A Caltanissetta il crocifisso entra nelle aule del Comune
Proposta da consigliere leghista: «È muto, non discrimina»

Il simbolo del cristianesimo sarà affisso sui muri di palazzo del Carmine. La mozione è stata presentata da Oscar Aiello di Lega-Prima l'Italia. «Sui valori cristiani fondo il mio agire e la mia politica», dice con un riferimento anche alla Costituzione

Marta Silvestre

Il crocifisso verrà affisso nell’aula consiliare e nelle aule delle commissioni di palazzo del Carmine, la sede del Comune di Caltanissetta. La mozione, presentata a gennaio dal consigliere Oscar Aiello di Lega-Prima l'Italia, è stata votata durante l'ultima seduta del Consiglio ed è passata con dieci volti favorevoli, sei astenuti e un solo voto contrario, quello della consigliera del Movimento cinque stelle Marina Mancuso. «Ho presentato questa mozione in adesione ai valori cristiani su cui ho sempre fondato non solo il mio agire quotidiano ma anche la mia azione politica». Sono state queste le parole con cui Aiello ha iniziato il proprio intervento, di una decina di minuti, che ha preferito leggere perché «il crocifisso è un tema divisivo e voglio evitare strumentalizzazioni o sciacallaggio». 

Per iniziare, Aiello cita pure un articolo pubblicato nel 1988 su L'Unità. «Il crocifisso resta un simbolo passivo perché non implica alcun atto di adesione - sostiene il consigliere leghista - non genera discriminazioni perché è muto e non vuole insegnare nulla. Per i credenti, e io sono uno di loro - sottolinea - è un simbolo cattolico, per gli altri può essere una semplice parte del muro. Ma non possiamo negare che fa parte della storia del mondo». E soprattutto della cultura italiana che, sebbene come sancito dalla Costituzione è uno Stato laico che non prevede una religione di Stato, considera il crocifisso in qualche modo parte del patrimonio storico-culturale a prescindere dalla fede. Ed è stata questa anche la motivazione per cui, negli ultimi anni, sono state respinte diverse richieste di rimozione dei crocifissi dai luoghi pubblici (scuole, ospedali, tribunali). Un retaggio di norme che risalgono, in realtà, all'epoca fascista

«II crocifisso - continua Aiello soddisfatto dell'approvazione in Consiglio della propria mozione - è il simbolo della rivoluzione cristiana che porta con sé l'idea di uguaglianza che è sancita anche dalla nostra Costituzione. Che seppur, con pari diritto con le altre, cita solo la religione cattolica. E chiediamoci il perché...». Una frase lasciata sospesa, un po' alla libera interpretazione, dal consigliere che appartiene a una forza politica che, negli anni a più riprese, ha fatto dell'esposizione pubblica del crocifisso una battaglia. Un punto sulla questione, dopo il caso di un professore che aveva subito una sanzione disciplinare per avere tolto il crocifisso dal muro durante le sue ore di lezione in aula, lo ha messo la corte di Cassazione. Nella sentenza del 2021, da una parte, si stabilisce che non c'è l'obbligo di esporre il crocifisso nei luoghi pubblici e, dall'altra, non c'è nemmeno un divieto. La soluzione sarebbe ricercare, di volta in volta, «una soluzione di mediazione o di compromesso». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×