Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Frana A18, indagati due dirigenti Cas e imprenditore
Usato materiale scadente, rischi per gli automobilisti

Il direttore generale Salvatore Pirrone, il responsabile dell'area tecnica Gaspare Sceusa e Francesco Musumeci sono accusati a vario titolo di disastro ambientale, peculato e falso ideologico. Coinvolto anche un funzionario in quiescenza. Tante le irregolarità che sarebbero state commesse in fase di progettazione ed esecuzione 

Redazione

Procedure non rispettate e realizzazione di opere totalmente inadeguate alle esigenze. Sono gli elementi emersi nel corso di due indagini dei carabinieri di Taormina e della sezione di polizia giudiziaria della procura di Messina in merito ai lavori effettuati nel punto dell'autostrada A18 in cui, il 5 ottobre 2015, si è verificata una frana. Il cedimento, avvenuto nel territorio di Letojanni, ha di fatto interdetto la viabilità su una delle due carreggiate dell'importante arteria che serve la costa ionica della Sicilia. L'inchiesta ha portato a tre misure cautelari interdittive nei confronti del direttore generale del Cas, l'ente che gestisce l'autostrada, Salvatore Pirrone, del dirigente dell'area tecnica Gaspare Sceusa e di Francesco Musumeci, titolare dell'impresa che ha effettuato i lavori. Per i primi due il gip ha deciso la sospensione dai pubblici uffici per un anno, mentre per il secondo l'interdizione dalla professione per otto mesi. I reati ipotizzati sono disastro ambientale, peculato e falso ideologico.

Al centro dell'indagine c'è un lavoro di somma urgenza dato alla società di Musumeci per 500mila euro e riguardante la messa in sicurezza della carreggiata lato valle. I comportamenti illeciti avrebbero riguardato sia l'iter di progettazione che quella di esecuzione degli interventi, compresa una barriera di contenimento. Secondo la procura, i due dirigenti avrebbero omesso ogni forma di controllo sui lavori, mentre invece avrebbero sostenuto al posto dell'impresa i costi di progettazione. In fase progettuale sarebbero anche lievitati i costi delle opere. E ancora: il progetto esecutivo risulterebbe essere stato prodotto da due professionisti incaricati dalla ditta e non dalla stazione appaltante così come prevede la normativa; anche se alla fine il pagamento dei loro compensi è stato a carico del Cas. Per i magistrati, Musumeci ha effettuato i lavori mettendo a rischio l'incolumità degli automobilisti, poiché avrebbe usato materiale di scarsa qualità. 

Tra gli indagati c'è anche un funzionario del Cas in quiescenza. Per lui l'accusa è di avere redatto documenti falsi, in cui si attestava l'avanzamento dei lavori facendo riferimento a una contabilità che in quel periodo non era ancora stata redatta dai progettisti. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×