Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, si staccano calcinacci al liceo Quintiliano
Ferite due studenti: «Nostre scuole non sono sicure»

È accaduto questa mattina nella sede centrale di via Tisia. Una ragazza ha riportato un lieve trauma cranico, mentre l'altra contusioni e abrasioni. Indetto un consiglio d'istituto straordinario. Le accuse di Rete degli studenti e Unioni degli studenti: «Gli istituti non sono a norma. Servono finanziamenti pubblici». Annunciate proteste in piazza

Simone Olivelli

Calcinacci si staccano dal tetto e due alunne rimangono ferite. È successo questa mattina, intorno alle 10.30, nella sede centrale del liceo polivalente Quintiliano di Siracusa, in via Tisia. Ad avere la peggio due 17enni, che si trovavano sedute al proprio banco, quando una parte di tetto ha ceduto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e l'ambulanza del 118, che ha portato le due adolescenti al pronto soccorso, dove i medici hanno diagnosticato a una un lieve trauma cranico e all'altra contusioni e abrasioni.

In seguito all'accaduto, gli studenti del Quintiliano hanno indetto un consiglio d'istituto straordinario che si sta svolgendo in queste ore. «Vanno presi provvedimenti subito, e che la scuola con le sue finanze non si può assolutamente permettere di sobbarcarsi un intervento così urgente ed importante - dichiara la rappresentante d'istituto Giorgia Tricoli -. Devono arrivare dei finanziamenti pubblici che possano sopperire a questa mancanza e rimettere in sicurezza una scuola fin troppo martoriata».

A denunciare l'accaduto è la Rete degli studenti, con un comunicato in cui si ricorda che un fatto simile era accaduto già quattro anni fa quando un infisso si staccò da una finestra colpendo una ragazza alla schiena. «Stamattina ancora una volta abbiamo assistito al decadimento della scuola pubblica - si legge nella nota a firma del coordinatore Flavio Lombardo -. La stragrande maggioranza degli edifici scolastici siciliani non è a norma e non rispetta i requisiti minimi per essere adibiti a scuola, è normale che sempre più frequentemente si verifichino episodi del genere». Dalla Rete anche un appello al presidente della Regione Musumeci «perché vengano messe in sicurezza tutte le scuole con interventi d'urgenza». A prendere posizione è anche l'Unione degli studenti: «La prova che la condizione in cui riversano le nostre scuole è pietosa - denuncia il gruppo -. Siamo stanchi di ripeterlo, siamo stanchi di guardare in alto per paura che qualcosa cada giù, siamo stanchi di ricordarvi che di scuola non si può morire. Torneremo in piazza».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×