Augusta, fenicotteri e aironi popolano le Saline
Lipu: «Osservateli dall'auto per non disturbarli»

Redazione

Cronaca – A divulgare le fotografie è stato un gruppo di attivisti, che sottolinea come il risultato potrebbe essere legato «alla recente pulizia dei canali d'ingresso». L'estate scorsa, a Priolo i fenicotteri erano tornati a nidificare grazie a un progetto realizzato dalla Lega italiana protezione uccelli, Comune ed Enel. Guarda le foto

«Entrate da piazza Unità d'Italia e godetevi lo spettacolo». L'invito arriva dal gruppo Facebook Lungomare liberato Augusta, e riguarda la folta presenza di uccelli giunti nelle locali saline. Fenicotteri rosa, cavalieri d'Italia e aironi che popolano le acque vicine al centro del Siracusano, attirando l'attenzione di curiosi e fotografi. «A decine stanno venendo da mezza Sicilia», si legge in un post.

Secondo il gruppo, che ha l'obiettivo di liberare il lungomare cittadino dalle auto almeno per una volta al mese, così come è accaduto a Catania, il fenomeno potrebbe essere legato agli interventi di bonifica effettuati ultimamente. «Dopo la morte dei pesci, le Saline tornano a vivere, forse anche grazie alla recente pulizia dei canali d'ingresso», sottolineano.

A commentare lo spettacolo è anche il referente della Lipu, Giuseppe Rannisi. «Le Saline di Augusta sono in piena città e sono un sito molto importante per l'habitat salmastro e per gli uccelli. Che spesso è possibile vedere a pochi metri. Anzi - spiega Rannisi - suggeriamo di non scendere dall'auto per non disturbarli». 

Il responsabile della Lega italiana protezione uccelli ricorda come pochi mesi fa un altro risultato sia stato ottenuto nella vicina Priolo. «Lì sono nati oltre cento fenicotteri, perché siamo riusciti a tutelare le acque di quella zona, ma anche grazie a un progetto realizzato insieme al Comune e all'Enel che ci ha permesso di ripristinare un livello idrico sufficiente alla sopravvivenza degli animali», conclude.  

(Le fotografie sono concesse dal gruppo Fotonaturalisti Augustani)