Urbanistica e decoro, il raccolto del Comune etneo Tra interventi a metà, cose fatte e promesse future

Tanti grafici, una folta platea di direttori tecnici e componenti della giunta, e un elenco puntato di cose fatte. A non mancare anche le promesse per il futuro e le cose da lasciare ai catanesi prima della conclusione del mandato amministrativo. Sono questi gli ingredienti dell’incontro organizzato questa mattina dal Comune per fare un bilancio degli interventi compiuti e degli obiettivi ancora da centrare in materia di Urbanistica, Decoro e manutenzioni. L’appuntamento è stato organizzato «in un luogo simbolo della riqualificazione cittadina, piazza Delle Belle, un tempo piena di auto e spacciatori e oggi luogo d’incontro per giovani e scommessa per attività commerciali», spiega l’assessore al ramo, Salvo Di Salvo. Al banco dei relatori, tra le lattughe e le fave degli orti urbani di Librino, c’è il sindaco Enzo Bianco, il direttore degli uffici dell’Urbanistica Biagio Bisignani e la responsabile del Comune per la protezione civile, Rosanna Pelleriti. «È il tempo del raccolto e di mostrarvi quali sono state e quali saranno le tappe del nostro lavoro», dichiara l’assessore. Nella relazione del componente della giunta, però, mancano i riferimenti all’atto più atteso: il nuovo piano regolatore generale della città. Novità, invece, sul piano di riqualificazione di corso Martiri della libertà

«Chi pensa che quest’amministrazione ha fatto poco non sa cosa ha ereditato – comincia il suo intervento Salvo Di Salvo – Tutto era datato: il regolamento edilizio era del ’35, il piano urbanistico su San Berillo (quello relativo allo sventramento, ndr) del ’51, il piano regolatore generale del ’69, il piano di recupero edilizio del ’78, lo schema edile di massima (Piano Cervellati, ndr) ’98, il programma di recupero di San Cristoforo del ’99 e quello di riqualificazione di Catania Sud dell’anno dopo». Un elenco di «difficoltà» a cui fa seguito quello delle cose fatte, quelle definite «più strategiche», tra le quali evidentemente non figura il Prg. «Abbiamo definito la variante relativa al Pua e quella dell’allungamento della metropolitana, abbiamo esitato il piano di rischio aeroportuale e il nuovo regolamento edilizio», spiega Di Salvo. Il quale continua la lista degli obiettivi centrati con «il piano di classificazione energetica, la mappatura degli immobili etnei, la messa a punto di un programma per la riqualificazione di Librino, il piano di utilizzo del demanio marittimo e – aggiunge – abbiamo abbattuto le mure che separavano il porto dalla città». Tra gli interventi messi a punto, l’assessore Di Salvo inserisce: «I concorsi di idee con associazioni e ordini di architetti e ingegneri». 

«Sul piano del Decoro abbiamo creato il programma Catania Agorà, la Fabbrica del decoro, abbiamo riqualificato piazza Delle Belle e il parco Madre Teresa di Calcutta –  continua Di Salvo – Abbiamo fatto realizzare il bellissimo murales su Peppino Impastato e quelli sulle mura dello stadio Massimino. Abbiamo predisposto tutti gli atti per la riqualificazione della galleria di via Sant’Euplio e per l‘arredamento di via Pacini». Un lungo intervento condito dagli applausi di molti componenti della giunta e direttori tecnici. Tra i presenti l’assessora alla Scuola Valentina Scialfa, quello al Welfare Angelo Villari, il titolare dei Lavori pubblici Luigi Bosco e il collega dell’Ecologia Rosario D’Agata. In platea pure la segretaria generale del Comune, Antonella Liotta e la presidente del Consiglio Francesca Raciti. Assenti gli altri consiglieri comunalI, compresi quelli di maggioranza. 

È dinanzi a loro, ma anche a diversi cittadini e curiosi, che Di Salvo descrive la Catania del futuro: «Il Vittorio Emanuele diventerà il campus più grande e nuovo del Sud Italia, interverremo per sistemare gli altri plessi ospedalieri a partire dal Santo Bambino – prosegue – Entro l’anno recupereremo l’area B dell’Oasi del Simeto, avvieremo un programma di recupero di una grossa parte di Cibali insieme all’ex Centro direzionale e saremo in grado di rilasciare dieci concessioni edilizie al giorno, puntando su un progetto di semplificazione della burocrazia». Tra le novità ce n’è una «molto importante: è stato fatto un passo avanti sul progetto di riqualificazione di corso Martiri della libertà: abbiamo ottenuto il parere di conformità edilizia. Questo significa – precisa Di Salvo – che piazza della Repubblica diventerà davvero un grande parco». Al documento segue la redazione di un bando e quindi l’assegnazione dell’opera pubblica. «La nostra strategia di condivisione e partecipazione ha dato e darà ancora molti risultati», conclude Di Salvo. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]