Truffe incidenti, l’arrestato è il consigliere Tomasello Citato dalla prefetta in Antimafia, ora ai domiciliari

La sua scheda era recentemente finita sul tavolo della commissione parlamentare antimafia per vecchie questioni che riguardavano il fratello, ma adesso c’è una nuova grana. Quella del coinvolgimento in un’inchiesta per una presunta maxi truffa alle compagnie assicurative. Il nome che MeridioNews è in grado di svelare in esclusiva è quello di Mario Tomasello, consigliere e vicepresidente della prima circoscrizione Centro, eletto in quota Articolo 4. Finito agli arresti domiciliari nei giorni scorsi dopo un’indagine della procura di Catania iniziata nel 2012 e proseguita per più di due anni. Sotto la lente d’ingrandimento dei carabinieri c’è il suo patronato per il disbrigo pratiche che, secondo quanto hanno fatto sapere i militari, è gestito anche da un’altra persona. Impigliato in questa vicenda c’è infatti anche il socio di Tomasello, un uomo di 37 anni, anche lui incensurato. Indagati, insieme ad altre due persone, a vario titolo per falsa testimonianza e associazione a delinquere finalizzata alle truffe alle compagnie assicurative. 

Tomasello, eletto nella circoscrizione Centro storico con 524 voti durante le amministrative del 2013, è stato il più votato della lista di Articolo 4. Movimento politico etneo fondato dal defunto Lino Leanza e oggi guidato dai deputati all’Assemblea regionale siciliana Valeria Sudano e Luca Sammartino. Nell’inchiesta che coinvolge il consigliere della sarebbero 60 gli incidenti che gli inquirenti definiscono «sospetti». Con richieste di risarcimento danni per una cifra superiore a 500mila euro. Gli indagati, che hanno due patronati entrambi nella zona di via Plebiscito, avrebbero simulato finti incidenti. Falsi sarebbero stati anche i feriti compiacenti, che avrebbero utilizzato dei certificati medici pregressi compatibili con le lesioni da incidente stradale ma che in realtà attestavano infortuni in ambito domestico e sportivo. Nel presunto giro ci sarebbe stata anche una seconda fase. Ovvero quella che prevedeva il reclutamento di testimoni per riuscire a istruire le pratiche per le richieste di denaro a titolo di risarcimento. I soldi alla fine, secondo gli inquirenti, sarebbero stati suddivisi tra i vertici dell’organizzazione – uno di questi sarebbe stato Tomasello – e gli altri protagonisti della vicenda.

Nei patronati coinvolti in questa storia l’attività di disbrigo pratiche non si è interrotta. Nella sede di via Santa Maria della Catena il giorno dopo l’operazione c’è la solita fila di persone in attesa. Appeso sul muro c’è il manifesto elettorale di Tomasello con il logo rosso del movimento politico. In quel Caf il consigliere risulta essere il responsabile dell’infortunistica stradale. Presidente è invece il rappresentante della circoscrizione Librino-Zia Lisa, Lorenzo Leone. Il politico, che in questa vicenda non risulta essere indagato, è finito anch’egli al centro delle valutazioni della commissione antimafia a causa del fratello Gaetano, ritenuto un esattore del pizzo della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano

Il consigliere di Articolo 4 invece, conosciuto per le strade di Catania con il soprannome di Poiatti, per il suo passato da rappresentante della nota azienda alimentare di Santa Venerina, era finito tra i politici citati dalla prefetta Maria Guia Federico in commissione antimafia per la parentela con il fratello Massimo Carmelo Tomasello, deceduto ormai da qualche anno ma secondo gli inquirenti vicino alla cosca di Cosa nostra di Nuccio Mazzei. Anche lui nell’ambiente giudiziario era conosciuto con l’appellativo di Poiatti. Un nome noto a investigatori e magistrati per il coinvolgimento in diverse inchieste sui Carcagnusi. Dall’operazione antimafia Vega del 2003 fino al 2009, quando il suo nome finisce nei fascicoli delle operazioni Abisso 2, Plenum e Maremonti 2


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il nome del consigliere della circoscrizione Centro, che MeridioNews svela in esclusiva, sarebbe considerato al vertice di un presunto sistema di finti sinistri stradali. A causa del fratello Massimo Carmelo la scheda del politico di Articolo 4 era approdata a Palazzo San Macuto nelle scorse settimane

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]