Troy

Titolo originale: 
Troy

Nazione: 
Usa

Anno: 
2004

Genere: 
Azione/Guerra/Drammatico

Durata: 
163′

Regia: 
Wolfgang Petersen

Sito ufficiale: 
troymovie.warnerbros.com

Sito italiano: 
www.warnerbros.it/movies/troy

Cast: 
Brad Pitt, Eric Bana, Orlando Bloom, Diane Kruger, Sean Bean, Brian Cox, Peter O’Toole, Brendan Gleeson, Saffron Burrows

Produzione: 
Gail Katz, Wolfgang Petersen, Diana Rathbun, Colin Wilson

Distribuzione: 
Warner Bros

 

Hollywood  ha tentato forse l’impossibile. Rileggere la Guerra di Troia senza snaturarla. Obbiettivo completamente fallito, come sottolineato anche dalla critica più autorevole.
La trama: il troiano Ettore torna a casa dopo aver concluso la pace con il Re greco Menelao. Il fratello Paride però, ha portato con sé la giovane moglie del Re, il quale, chiesto aiuto al più potente fratello Agamennone, salpa alla volta di Troia con un esercito infinito al seguito per distruggere Troia e riprendersi la moglie. Tra le file dell’esercito greco c’è l’imbattibile Achille, il quale sembra però stanco della sua vita da guerriero. I suoi contrasti con Agamennone lo inducono adirittura a smettere di combattere. Senza il suo eroe l’esercito greco è debole, e la guerra sembra mettersi bene per Troia. Ma la morte dell’amato Patroclo e la vendetta di Achille, che uccide Ettore capovolgono la situazione fino alla caduta della città grazie allo stratagemma del cavallo di legno.
Il film: un Achille troppo biondo, troppo muscoloso e anche troppo sensibile non somiglia all’ Achille dell’ Iliade. Paride che somiglia più ad un ragazzino viziato e codardo, che a un principe troiano. La guerra che dura pochi mesi e non gli undici anni tramandati dalla letteratura. Di dei e dee neanche l’ombra se non nelle vuote e vaghe invocazioni dei protagonisti.
Poco da salvare insomma in questo film, se l’obiettivo dello spettatore è quello di rivivere la guerra di Troia.
Degni di nota invece gli effetti speciali (la presa della città) e le scenografie. Non mancano scene di guerra e morti eccellenti (anche troppe). Menelao, Aganamennone, Aiace… tutti morti a dispetto dei versi omerici.
Il film sembra pensato per un pubblico amante del genere ma non curante della fedeltà storica. Hollywood ha provato a dare valore ad un’altra americanata.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]